Castelbellino, il Gruppo di minoranza si rifiuta eleggere i consiglieri dell'Unione | | Password Magazine

Castelbellino, il Gruppo di minoranza si rifiuta eleggere i consiglieri dell'Unione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Lunedì scorso, 18 aprile, sono stati convocati i consigli comunali di Castelbellino e Monte Roberto per l’elezione dei rappresentati nel consiglio della costituenda Unione dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto, il cui statuto è stato approvato dai rispettivi consigli comunali nel mese di marzo. L’unione dei Comuni gestirà molte delle funzioni e dei servizi associati tra i due comuni.

“Ma per l’occasione è successo l’incredibile – fa sapere l’Amministrazione comunale di Castelbellino –  Si è raggiunto il punto più basso della storia dell’istituzione comunale. E’ stato infatti assurdo il comportamento dei consiglieri comunali della minoranza Torre Civica che hanno gettato alle ortiche e ripudiato i 963 voti dei cittadini di Castelbellino che li hanno eletti quali rappresentanti nell’istituzione Consiglio comunale”.

Ecco i fatti: lo statuto dell’Unione dei Comuni prevede la presenza di dodici consiglieri, sei per ciascun comune. All’interno di ogni comune, la rappresentatività è garantita dal sindaco, da tre consiglieri comunali di maggioranza e da due consiglieri comunali di minoranza.

L’elezione dei rappresentanti avviene in base al principio di non ingerenza: maggioranza e minoranza votano ed eleggono nel consiglio dell’Unione dei Comuni solo i propri rappresentanti.

Al civico consesso di lunedì scorso era assente il consigliere comunale di minoranza Juri Balletti, l’unico della lista di minoranza “Castelbellino di tutti per tutti”,che aveva comunicato la sua indisponibilità al Sindaco ad essere presente alla seduta per motivi di salute, ma che aveva comunque espresso la propria disponibilità ad assumere il ruolo di consigliere nel consiglio dell’Unione, qualora la minoranza lo avesse votato.

A questo punto accade ciò che può sembrare soltanto irragionevole ed irresponsabile: il capogruppo della Torre Civica, Andrea Gasparini, annuncia la volontà sua e degli altri due consiglieri del gruppo, Luca Cappanera e Michela Mecarelli, di uscire dall’aula e non prendere parte alla votazione e quindi rinunciare alla rappresentanza istituzionale nell’Unione dei Comuni, come atto di contrarietà politica alla scelta del Consiglio Comunale di Castelbellino di un mese prima. Un gesto gravissimo dei consiglieri comunali eletti per rappresentare le ragioni della minoranza nei confronti di tutta la municipalità di Castelbellino, che tra l’altro priverebbe la rappresentanza del consiglio comunale di Castelbellino di due unità in seno al consiglio dell’Unione. Naturalmente a Monte Roberto, nel frattempo, tutto era andato per il meglio ed i consiglieri comunali di minoranza avevano votato i propri rappresentanti in seno al consiglio dell’Unione dei comuni come da regolamento.

Non sono valsi a nulla gli appelli del Sindaco, Andrea Cesaroni, e del capogruppo di maggioranza Uniti per Castelbellino, Rossano Basili, a riflettere, e l’invito a permettere almeno l’elezione dell’altro consigliere comunale, Juri Balletti, per l’altra lista di minoranza, che, per il principio di non ingerenza poteva essere votato solo da quest’ultima.

“Un atto che indigna davvero tutti: consiglieri e cittadini – fa sapere l’Amministrazione comunale di Castelbellino –  Rifiutare l’elezione a consigliere dell’Unione, è come rifiutare il ruolo di consigliere comunale nel proprio Comune. Quarantuno anni di storia della Torre Civica, ventinove di governo e dodici di minoranza, sciupati con un comportamento inspiegabile, per una contrarietà di carattere politico che nulla ha a che vedere con le istituzioni locali”.

Dopo una breve sospensione del consiglio comunale, è arrivata la proposta sensata del Capogruppo di maggioranza Uniti per Castelbellino, Rossano Basili, che ha chiesto il rinvio del voto di una settimana, per permettere almeno all’altra minoranza di essere presente ed eleggersi in seno al consiglio dell’Unione. L’altro invito del capogruppo suggeriva ai consiglieri delle Torre Civica di ripensare alla loro scelta in segno di rispetto delle istituzioni o,in alternativa, valutare l’opportunità di rassegnare le proprie dimissioni anche da consiglieri comunali, per il mancato assolvimento dei doveri di rappresentatività ed elettività e per aver ripudiato i principi di democraticità che gli eletti devono avere.

“Dopo le dimissioni a raffica nella precedente legislatura per gli eletti della Torre Civica siamo alle solite: amanti della democrazia a due velocità – le amare parole dell’Amministrazione comunale di Castelbellino –  Quando si governa ci si sta, quando si svolge la funzione democratica di controllo come minoranza, si fugge. A differenza, dei rappresentanti della lista Uniti per Castelbellino e delle liste progenitrici, che in trenta anni di minoranza non sono mai fuggiti ed oggi sono maggioranza. Mai e poi mai, sarebbero stati permessi atti di dileggio delle istituzioni e dei cittadini come è avvenuto in questo caso”.

 Comunicato da: Comune di Castelbellino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.