Castelbellino, l'ultimatum a Maiolati: "No all'ampliamento alla discarica o sarà scontro".

CASTELBELLINO – Il Comune di Castelbellino dice no all’ampliamento della discarica La Cornacchia di ben 15 ettari, con avvicinamento di circa 400 metri al proprio nucleo abitato. E ancora no al prolungamento della sua esistenza per almeno altri 14 anni.  E’ il sindaco Andrea Cesaroni a lanciare un ultimatum: “Un accordo di trenta anni fa con le comunità prevedeva sulla questione discarica un inizio, un periodo di attività e una fine mentre ora Maiolati ci chiede di andare avanti fino al 2031 – spiega – Abbiamo già dato. Chiediamo di mantenere le promesse del passato: fine vita entro pochi anni. O purtroppo, sarà scontro”.

Il sindaco di Castelbellino porterà la questione in Consiglio comunale il 30 marzo e poi in assemblea pubbloica invitando i comuni limitrofi a fare lo stesso. “Aggiungere un ulteriore 20% di rifiuti solidi urbani e 15 ettari da destinare a smaltimento rifiuti speciali non può che preoccuparci – continua Cesaroni – La discarica ha sì portato in beneficio frutti e servizi alla comunità, come la Biblioteca La Fornace, la piscina. Ma ora si tratta di scegliere tra salvaguardare un interesse economico o essere previdenti”.

“Avvisammo la Regione Marche molto prima del tempo degli errori che stava compiendo con il biogas: alle comunità limitrofe, compresa quella di Moie, diciamo: non si cada nello stesso errore – gli fa eco il vice sindaco Massimo Costarelli – Possiamo accettare che La Cornacchia resti attiva fino al 2020 ma non siamo disposti ad andare oltre, dopo quasi 30 anni di discarica, in cui abbiamo condiviso con le comunità un percorso che ha permesso di risolvere un problema ambientale di interesse pubblico, amministrativo ed economico, con tutti gli sviluppi, gli investimenti e e i servizi che ne sono conseguiti. In nome dei soldi, non può essere la risposta. Noi siamo le Istituzioni. In nome dei soldi, non può essere la risposta. Noi siamo le Istituzioni. Chiediamo di mantenere le promesse del passato: fine vita entro pochi anni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*