Castelbellino, prosegue il botta risposta tra maggioranza e minoranza | Password Magazine
Festival Pergolesi

Castelbellino, prosegue il botta risposta tra maggioranza e opposizione

Maggioranza: «Piece teatrale della minoranza in Consiglio». Opposizione: «Statuto ridotto a carta straccia»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Castelbellino, continua il botta e risposta a mezzo stampa tra le forze politiche di minoranza e maggioranza. Dopo il Consiglio comunale di fuoco di lunedì, con l’opposizione Ritroviamo Castelbellino  «costretta ad abbandonare l’aula», così come ha dichiarato la capogruppo Federica Carbonari, la maggioranza Uniti per Castelbellino replica parlando di una «piece teatrale»: «I consiglieri di minoranza si sono alzati e a ritmo sostenuto e hanno raggiunto l’uscita del Pala Martarelli tra l’incredulità dei presenti – si legge nella nota -. Era tutto calcolato e ad essere sinceri ne sarebbe uscita un’ottima performance se non fosse che il Sindaco non ha concesso il monologo di
apertura. Peccato».

Ritroviamo Castelbellino, in una dichiarazione preliminare che intendeva leggere prima della seduta, definiva illegittima la seduta perché convocata «dopo 90 giorni di silenzio» e dunque non conferme a «l’art. 9 dello Statuto comunale, comma 1, che stabilisce espressamente che i consigli comunali sono convocati almeno una volta ogni due mesi».

Uniti per Castelbellino risponde:

«Il Consiglio Comunale era stato convocato regolarmente, nei tempi e nei modi previsti, via mail e pec, e dopo un periodo maggiore di quello previsto in situazioni ordinarie dal Regolamento per l’emergenza Covid-19, che ha reso del tutto legittima tale deroga. Quella che Ritroviamo Castelbellino ha definito una ‘questione pregiudiziale ai sensi dell’art. 17 del Regolamento per il Funzionamento del Consiglio Comunale’ altro non è che il tentativo di mettersi in mostra con una dichiarazione, di natura tutta politica, fatta con una procedura discutibile».

Insomma:

«L’ultimo episodio di un’opposizione inconcludente e pasticciona che ha fatto dell’azione di disturbo di decine di interrogazioni e mozioni, che rappresentano un delirio di richieste inappropriate e ripetitive, il suo cavallo di battaglia. Non si spiega in altro modo il sistematico spezzettamento di un singolo argomento su più interrogazioni e mozioni che, lungi da essere strumento di dialogo indispensabili tra Consiglio, Giunta e Sindaco, ingolfano i lavori del Consiglio, rischiando di farlo diventare uno spazio di ludica attività invece che il luogo dove si discute di questioni davvero importanti per tutti i cittadini di Castelbellino, senza considerare i maggiori costi che derivano in prospettiva dallo svolgimento di più sedute di quelle che sarebbero necessarie in una normale situazione».

Il Consiglio Comunale dello sorso 25 maggio, per la maggioranza, è stato anche altro, affrontando argomenti cruciali per la vita del paese:

«È stato infatti discusso il Bilancio Comunale di previsione 2020, la cui approvazione deve avvenire entro il 31 luglio. Si tratta di una scadenza prorogata, in deroga alla norma che la prevede entro il 30 aprile, in virtù dell’emergenza Covid-19. Un bilancio di previsione particolare, che è stato rivisto in corso d’opera proprio per recepire i cambiamenti dovuti all’emergenza sanitaria e per renderlo adatto ad affrontare la conseguente crisi economica. In questi primi mesi dell’anno, per effetto dell’emergenza, alcuni servizi non sono stati erogati per tutta la durata prevista, come quelli a domanda individuale (per i quali i cittadini non hanno pagato le relative rette); altri servizi hanno subito delle modifiche nei tempi e nelle modalità in cui sono garantiti. L’Amministrazione Comunale si è impegnata affinché i servizi essenziali, soprattutto quelli rivolti alle fasce più deboli della popolazione, venissero mantenuti o rimodulati, ma parte delle risorse previste non sono state spese nel
periodo del cd. lockdown».

Pronta la replica di Federica Carbonari all’opposizione:

«In condizioni normali, chi è già stato chiamato a rispondere di fronte ad una autorità prefettizia (che si muove alquanto lentamente, ma che avremo modo di stimolare) e di fronte alla procura per atteggiamenti inauditi già messi in atto (sindaco: la ringraziamo, ma non abbiamo aspettato il suo consiglio: abbiamo già agito in tal senso), di solito capisce l’antifona e cerca di regolarsi».

Per Ritroviamo Castelbellino il sindaco Cesaroni ha sbagliato:

«Non si aggredisce una consigliera con gli epiteti usati da lui e dai suoi scherani: non è bello. Non è politicamente corretto in tempi di pari opportunità – scrive la minoranza – Il sindaco inoltre ha molto peccato in termini istituzionali. Il suo sentirsi “uomo solo” al comando non lo autorizza infatti a violare le norme dettate dallo Statuto e dal Regolamento comunale, regolarmente ridotte a carta straccia. E tanto più non lo autorizza a violare quelli che sono i principi di fondo di una carta costituzionale e delle leggi al contorno». Principi che dovrebbero impedire «episodi come quelli vissuti dalla minoranza di Castelbellino, certo non trattenuta dal Sindaco stesso ed accompagnata rudemente alla porta dall’assessore Amburgo, assessore, sia detto per inciso, che ha a sua volta molto peccato, infrangendo le regole sul conflitto di interessi, pure esposte tanto al prefetto quanto alla procura. Ma in fondo, questa minoranza così fastidiosa, cosa avrà mai fatto per suscitare una reazione così scomposta? Poco. Niente di più di ciò che avrebbe fatto qualsiasi minoranza interessata al buon governo».

Ritroviamo Castelbellino incalza :

«Abbiamo chiesto all’assessore Amburgo di spiegare il suo conflitto di interessi, in cui l’assessore Amburgo concedeva contributi all’Associazione di pallavolo presieduta dal presidente sportivo Amburgo. Che dire dei modi di convocazioni del tutto irrituali dei consigli comunali, fatti per mezzo di mail, al di fuori dei tempi necessari e senza allegare documenti di scarsa importanza come, che so, la bozza di bilancio…. Oppure (siamo veramente così fastidiosi…) vogliamo parlare della scortese richiesta (da parte di questa minoranza) di far decadere consiglieri che hanno abbondantemente  superato il numero massimo di assenze ammesse? Ma poi… Avere addirittura il coraggio di fare accessi agli atti per chiedere conto dell’assegnazione degli aiuti alle famiglie in periodo di covid, faccenda liquidata, tra bando, domande ed erogazioni nel giro di 72 ore… Od ancora la domanda di accesso ai dati relativi alla cava Mancini, sotto inchiesta per inquinamento, di cui non si riesce ancora a comprendere il ruolo effettivamente svolto dal comune, nella persona del sindaco pro tempore e degli assessori… Sì. Comprendiamo pienamente come il sindaco se ne sia adontato ed adombrato, mostrando il giusto sdegno verso questa minoranza così scostumata, al punto da pretendere di svolgere il ruolo per cui è stata eletta».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.