Castelbellino, scintille tra maggioranza e opposizione sui buoni spesa | | Password Magazine

Castelbellino, scintille tra maggioranza e opposizione sui buoni spesa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Scintille a Castelbellino tra maggioranza e opposizione sulla gestione del bando per l’erogazione dei buoni spesa a favore dei cittadini colpiti dalla situazione economica dovuta al COVID-19.

La minoranza politica Ritroviamo Castelbellino contesta le modalità di gestione del sussidio messa in atto dall’Amministrazione comunale, in modo «non compartecipato» come avviene in altri comuni limitrofi.

Ma la maggioranza Uniti per Castelbellino non ci sta e invia subito una nota per puntualizzare quanto segue:

«Come Amministrazione abbiamo gestito la questione come andava fatto, in maniera similare a molti altri Comuni, ottemperando al nostro incarico rispettando ogni modalità, ma puntando a risolvere tutto in tempi molto brevi, per poter rispondere alle esigenze reali dei cittadini in difficoltà al più presto, senza ricorrere ad un tramite con altre tempistiche.

In pochi giorni, grazie alla professionalità dei Servizi Sociali comunali, abbiamo reso efficace il provvedimento del Governo, che è diventato tempestivamente uno strumento concreto in mano a cittadine e cittadini in situazione di difficoltà. Il coinvolgimento dell’opposizione non passa per questo tipo di provvedimenti. E, in ogni caso, è inutile presentare un’interpellanza preventiva. Sì, perché questo è il metodo con cui si muove la minoranza di “Ritroviamo Castelbellino”, puntando il dito ancor prima che gli uffici abbiano il tempo di prendere in mano la situazione».

Il gruppo di minoranza con a capo Federica Carbonari replica:

«È forse un reato domandare legittimamente perché gli altri 8 comuni limitrofi (Jesi, Castelplanio, Filottrano, Maiolati, Mergo, Monsano, Monte Roberto e Morro d’Alba) hanno gestito, tramite l’Asp Ambito 9 l’erogazione di contributi alle famiglie colpite dalla situazione economica determinatasi a seguito dell’emergenza Coronavirus, al fine di garantire ulteriormente la trasparenza, e la nitidezza nella gestione del bonus spesa? O voler capire sulla scorta di quali motivazioni il nostro comune abbia scelto invece di “giocare in casa” e “a porte completamente chiuse’?

In fondo su tante altre questioni c’è stato negato di sapere, documenti alla mano! E non si dica che siano state solo esigenze di maggiore celerità l’essersi isolati, perché una tale affermazione andrebbe in contrasto con le competenze intellettuali e gestionali delle altre amministrazioni, che si sono unite senza compromettere in alcun modo la buona riuscita e la celerità delle distribuzione dei bonus stessi».

Per l’Amministrazione comunale però la «’rappresentanza attiva e fattiva’ di cui si vanta la minoranza consiste unicamente nel presentare innumerevoli e sterili interrogazioni, interpellanze e mozioni (41 nei 7 mesi del 2019 e 30 nei 3 mesi del 2020) senza alcuna conoscenza della ratio amministrativa». E aggiunge:

«Dovrebbero iniziare a riconoscere il senso del ruolo di rappresentanza e di controllo affidata ai consiglieri comunali di opposizione, perché forse hanno confuso i ruoli. Chi vince le elezioni ha il compito di governare. Chi le perde controlla.

Ci si domanda come mai la minoranza lavori soltanto in forma scritta, intralciando peraltro il lavoro dell’amministrazione, ponendo domande già superate dell’evolversi dei fatti, basandosi su notizie apprese dai giornali o su dichiarazioni di terzi e ripetendo più volte gli stessi quesiti perché non soddisfatti delle risposte ottenute, ma sia poi incapace di sostenere un dibattito in sede di Consiglio Comunale.

Ci si domanda anche perché la stessa minoranza continui a confondere il ruolo degli amministratori con quello dei responsabili amministrativi, ai quali potrebbero tranquillamente chiedere chiarimenti, in modo da poter cominciare a parlare quando finalmente avranno capito l’argomento».

«Non si può chiedere – risponde però Ritroviamo Castelbellino – e pretendere che la Minoranza svolga il ruolo di spettatrice inerme di quanto la Maggioranza viene via via elaborando in termini di provvedimenti amministrativi, non dovendo per nessun motivo ragionevole la Minoranza limitarsi a non “disturbare il Manovratore”». E puntualizza:

«Le interpellanze e le interrogazioni presentate dalla Minoranza non sono né strumentali né inutili né illogiche, anche perché occorrerebbe, prima di rispondere, comprendere la portata dei quesiti che vengono illustrati, dimostrando con risposte efficaci che eventualmente esse siano state presentate solo per recare “disturbo” all’Amministrazione.

Le mozioni rappresentano un contributo della Minoranza all’azione amministrativa, che quindi non possono essere liquidate con la semplice osservazione per cui spetta alla Maggioranza governare e alla Minoranza stare semplicemente a guardare quello che la Maggioranza fa, ancor più in situazioni come quella che stiamo attraversando.

L’esigenza di presentare interrogazioni e interpellanze in sequenza anche serrata si giustifica appunto con la circostanza per cui gli esponenti della Maggioranza hanno dimostrato ampiamente, in forma sia scritta che orale, di non essere “abituati” a misurarsi con un’attività di “sollecitazione” mirata e costante da
parte della Minoranza, impegnata seriamente a esercitare il proprio ruolo di controllore».

Da un lato, dunque, un’Amministrazione comunale che sottolinea quanto sia «stata presente nel corso di questa emergenza», dando già dal 3 aprile a cittadini in difficoltà «la possibilità di spendere i buoni spesa», lavorando «in stretta collaborazione con la Protezione civile per sostenere coloro che ne avessero bisogno» e istituendo uno «sportello di supporto psicologico»; dall’altra una minoranza che fa appello «al buon senso», chiedendo alla maggioranza «altrettanta sensibilità ai molteplici temi che l’opposizione affronta nelle proposte e nei dibattiti che ne seguono, considerato che si tratta, in diversi casi, di opportunità anche per la Maggioranza stessa».

Ai cittadini insomma l’ardua sentenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.