Castelbellino su discarica: "Non più soli contro l'ampliamento, andremo fino in fondo" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Castelbellino su discarica: "Non più soli contro l'ampliamento, andremo fino in fondo"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – “Con ogni mezzo e in ogni dove difenderemo la nostra posizione, netta e decisa, contro l’ampliamento della discarica”. Sono queste le parole del sindaco di Castelbellino Andrea Cesaroni, affiancato dall’assessore all’Ambiente Gianfranco Amburgo, annunciate stamani in conferenza stampa, in vista del responso della Provincia di Ancona sulla questione che vede al centro l’impianto di gestione dei rifiuti di Moie La Cornacchia . 

Un sentenza che potrebbe dare il via alle procedure d’autorizzazione e alle valutazioni di impatto ambientale ( Via/Vas/Aia), inizialmente prevista per il 5 di novembre ma prorogata con sospensiva al 13 dicembre,  in attesa di risposte e chiarimenti da parte del Comune di Maiolati, a seguito dell’inchiesta pubblica avvenuta il 15 settembre scorso su volere stesso della Provincia per sondare opinioni e giudizi dei cittadini. Un’assemblea dove tutti gli interventi si sono rivelati contrari all’ampliamento, fatti salvi quelli dei progettisti incaricati da Maiolati.

“Castelbellino è partito da solo in questa battaglia ma, attualmente, la situazione è cambiata e i fatti dimostrano che non siamo più soli – aggiunge il Sindaco – Seppur gestito da Sogenus nel migliore dei modi, l’impianto non si basa su percorsi condivisi tra Comuni, forze politiche e cittadini al punto che anche Monte Roberto e Montecarotto hanno espresso la loro contrarietà, tramite delibera approvata da Consiglio comunale con voto unanime”. Sulla questione, il no è arrivato anche dalla Commissione ambiente del Comune di Jesi e anche il Comune di Belvedere sembra intenzionato a voler intraprendere un iter in tal senso.

Il progetto di Maiolati prevede un ampliamento a sud dell’attuale dislocazione su un’area di 15 ettari per un volume di circa 1.500.000  metri cubi pari a circa 14 anni di attività (circa 100.000 t/a). Se trovasse realizzazione, l’impianto risulterebbe troppo vicino ai centri abitati – ad 1 chilometro di distanza, per la precisione, quando la normativa ne impone almeno 2 – con conseguente amplificazione degli odori e aumento della percezione visiva della struttura che si noterebbe già dalla rotatoria di Castelbellino. “Ma soprattutto ci preoccupa non avere studi scientifici sulla salute delle popolazioni limitrofe alla discarica, che per un sindaco sono essenziali come responsabile sanitario del suo territorio – aggiunge Cesaroni – Studi e ricerche simili su altri territori e casi analoghi non offrono prospettive confortanti. Questo per noi significa precauzione visto che l’impianto, se autorizzato vivrà per altri quindici o venti anni”.

Stando al nuovo Piano Regionale dei Rifiuti, approvato dalla Giunta regionale in data 2 febbraio 2015, la discarica “La Cornacchia” è definita “in esaurimento”, stabilendo una serie di criteri per la regolamentazione della gestione dei rifiuti, tra cui i fattori di pressione comunali, intercomunali e provinciali oltre che distanze da centri abitati e da luoghi sensibili (scuole ecc).

Se in passato la discarica nasceva per offrire un servizio al territorio, oggi che esiste anche l’ATA, l’assemblea territoriale d’ambito provinciale per la gestione integrata dei rifiuti, e che la discarica di Corinaldo – l’unica sul territorio a possedere un impianto di tritovagliatura, così come imposto dal nuovo Piano regionale – ben presto raccoglierà tutti gli RSU e, con l’ampliamento, anche i rifiuti speciali, il progetto di ampliamento manca di pubblica utilità.

Il progetto di “Completamento dell’ampliamento del IV stralcio della discarica La Cornacchia” presentato da Maiolati nel 2013 prevedeva un ampliamento destinato al 100% ai rifiuti speciali. “Sono quelli che rendono più utili e ricchezza, per questo il loro intento è di raccoglierne il più possibile, anche provenienti da altre parti di Italia – spiega il Sindaco – Inizialmente sottoposto a verifica da parte della Provincia e dell’Arpam, il progetto venne dichiarato non conforme agli strumenti di pianificazione vigenti e il piano respinto per una serie di motivi tra cui la mancanza di pubblica utilità”.

Nel marzo 2014 il Comune di Maiolati Spontini ripresentava allora un nuovo progetto inserendo una serie di modifiche tra le quali anche lo smaltimento di un 20% di rifiuti RSU al fine di dare una valenza di pubblica utilità al progetto stesso, giustificandolo attraverso un’ipotetica efficacia in caso di impossibilità di ricezione dell’impianto di Corinaldo, attualmente l’unico autorizzato per gli RSU.

In sostanza,  se il parere della Provincia, atteso entro il 13 dicembre, risulterà contrario all’ampliamento, il progetto sarà respinto perché non conforme alle direttive del nuovo Piano regionale. In caso contrario, il Comune di Castelbellino, ormai non più solo, non resterà a guardare ed andrà fino in fondo.

“Chiediamo che venga rispettato il patto di fine vita della discarica, così come era stato stabilito con i Comuni limitrofi – ribadisce Cesaroni – Destinando ogni anno parte degli utili per l’accantonamento, si potrà agire anche nella tutela dei lavoratori della Sogenus. Ma non possiamo far si che gli interessi economici prevalgano su quelle dei cittadini. A maggior ragione se questa scelta viene fatta da Ente pubblico, la cui priorità deve essere la tutela dell’intera comunità”.
In foto: Da sinistra, l’assessore all’Ambiente Gianfranco Amburgo e il sindaco di Castelbellino Andrea Cesaroni
A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.