Castelbellino, ufficio postale rischia la chiusura | | Password Magazine

Castelbellino, ufficio postale rischia la chiusura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Poste, Comuni e sindacati protestano contro il nuovo piano che prevede la chiusura di 10 uffici postali in tutta la Regione, a discapito delle comunità più piccole. Prevista la chiusura anche dell’Ufficio postale in paese a Castelbellino che, secondo quanto disposto dalla Direzione Centro Italia che ha sede a Bologna, dovrà chiudere i battenti il prossimo 13 aprile. La motivazione, “la necessità di adeguare l’offerta di Poste Italiane all’effettiva domanda dei servizi postali nel territorio comunale”, la stessa che aveva già portato l’Ufficio di via Roma 5 alla riduzione dell’orario d’apertura a 4 giorni alla settimana.

“L’Ufficio postale di Castelbellino, in verità, lavora moltissimo perché ammortizza l’elevata frequentazione delle sedi di Pianello e Moie – fa sapere il vice sindaco Massimo Costarelli –  Lotteremo, come abbiamo fatto anche in passato… ormai siamo all’ennesima minaccia di chiusura: un incredibile atto unilaterale di abbandono dei territori da parte di Poste Italiane”.

Per contrastare questo provvedimento, lunedì il Sindaco e il Vice Sindaco del Comune di Castelbellino si recheranno in Direzione Regionale nella speranza che vi siano ancora margini per rivedere l’annunciata decisione.

Sono 6 mila famiglie, in tutta la Regione, rischiano di rimanere sprovvisti del servizio mentre altre 9 mila dovranno accontentarsi delle poche giornate di apertura che Poste ha ritenuto doveroso mantenere.

“Poste Italiane non dovrebbe limitarsi a seguire mere logiche di guadagno a discapito delle esigenze di comunità – sono le parole del sindaco di Castelbellino Andrea Cesaroni – Lo Stato eroga a questa Società significativi contributi nell’ambito della legge di stabilità e l’Autorità Garante per le Comunicazioni ha previsto specifici divieti di chiusura degli uffici che risiedono in aree residue, anche a fronte di volumi di traffico molto bassi e di alti costi di esercizio”.

“Lottare significherà spiegare le nostre ragioni, avviare una trattativa, prevedere di metterci anche dei contributi a sostegno del mantenimento dell’apertura, interessare il Parlamento e vedere di affermare un diritto  – continua il vicesindaco Costarelli – Il destino dell’ufficio è nelle mani di altri; ma faremo il possibile, come sempre”.

 

 

a cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.