Catcalling: intervista a Paola Moreschi | Password Magazine

Catcalling: intervista a Paola Moreschi di Casa delle Donne di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il “catcalling”, rilanciato da alcune settimane dall’influencer Aurora Ramazzotti che ne è stata vittima facendosene portavoce, è in realtà un fenomeno che socialmente si perde nella notte dei tempi. Rientra oggi nel dibattito pubblico relativo alle problematiche identitarie di genere. A darci il suo punto di vista, motivato da lunga esperienza nel settore, Paola Moreschi, operatrice di Casa delle Donne di Jesi.

Cosa s’intende precisamente con l’espressione “catcalling”?

«Usiamo nomi inglesi sulla spinta dei nuovi venti, in realtà non chiamavamo così il fenomeno, ma lo conoscevamo benissimo: non è altro che la molestia sulla strada e nei fatti pubblici. Letteralmente è “il richiamo del gatto”, spesso derubricato e sminuito nella sua gravità come un semplice apprezzamento o un complimento. In strada, su un treno, al bar, è fatto da ciò che noi donne conosciamo bene: comportamenti come apprezzamenti non desiderati, fischi, risatine sarcastiche, gli occhi addosso, ammiccamenti, battutine. La caratteristica principale è l’invadenza, il fatto che non siano richiesti e, il più delle volte, fatti alle spalle. Spesso si tratta di commenti a sfondo sessuale o che fanno riferimento, anche in modo non esplicito, a determinate parti del corpo con connotazioni sessuali».

Quanto è importante definire il fenomeno con un preciso termine ai fini della sensibilizzazione sociale?

«Dare un nome a qualcosa di ben radicato aiuta a prenderne coscienza, a non ritenerlo più come qualcosa di innocuo. Serve a sfatare anche ciò che il catcalling non è: per alcuni potrebbe essere considerato come un semplice complimento, invece è tutt’altro. Questa nuova terminologia dunque è utile a riconoscere atteggiamenti inappropriati come violenza».

Che differenza c’è tra il catcalling e la sfera attrattiva del desiderio (che porterebbe a sminuire la portata del fenomeno)?

«Nel catcalling al molestatore non importa sedurre, vuole piuttosto un riconoscimento della sua mascolinità. Se si fa un commento non richiesto, questo è altro dal gioco della seduzione che consiste invece in una complicità a due. Da donna ad esempio potrei anche piacere ad un’altra donna. Tuttavia il catcalling non è agito da una donna su un’altra donna. Sono sempre gli uomini a farlo, unilateralmente, rientrando nell’esercizio di dominio che fa parte del contesto patriarcale e sessista in cui cresciamo. A questa logica appartiene anche l’idea di identificare la donna in base a delle singole parti corporee, non come intero. Il corpo femminile viene vivisezionato e trattato come oggetto, apprezzato o disprezzato. Oggettivare porta al paradosso di una libertà maschile non data e non richiesta contro una mancanza di libertà della donna: donne che anticipano un orario serale o notturno, che decidono di non indossare una gonna o un pantalone di certo tipo. L’uomo non vive su di sé questo senso di timore che va a minare la sua libertà di scelta».

Paola Moreschi
Paola Moreschi, operatrice di Casa delle Donne di Jesi

 

Come vive questi comportamenti da donna, prima ancora che da operatrice?

«A Casa delle Donne si fa un percorso introspettivo e, quando questo fenomeno è venuto fuori dandogli il giusto risalto, ho pensato a me, a quante volte in strada ho accelerato il passo sentendo che qualcuno mi stava dietro con un atteggiamento provocatorio. O a quando ho fatto finta di telefonare, avendo bisogno di un gesto che mi rassicurasse. Ancora, ai viaggi in treno nei quali mi sono sentita importunata con occhi addosso o ammiccamenti. Un’altissima percentuale di donne ha vissuto il catcalling».

In che modo Casa delle Donne s’inserisce nel dibattito tutelando le donne vittima di qualsiasi forma di violenza?

«Un’associazione come la nostra lotta quotidianamente per far si che questi fenomeni emergano. Ciò avviene quando le donne iniziano a raccontare e a raccontarsi. Noi operatrici e legali non facciamo niente da sole, se non in relazione a quelle donne che hanno il coraggio di dire ciò che hanno vissuto. Queste persone, negli anni, hanno sempre portato alla luce e al dibattito comune argomenti di questo tipo, anche raccontando di restare paralizzate perché non saprebbero cosa aspettarsi qualora reagissero di fronte ad un “catcalling”, vivendo sentimenti di paura e insicurezza».

Il catcalling ha a che fare anche con la logica del “te lo sei cercata”?

«Certo. Alla base c’è sempre l’idea che o accetti queste dinamiche in quanto donna o, qualora non ci stai, allora, in qualche modo, te la sei cercata. Questa mancata libertà è un dato reale, anche se mascherata».

 Perché, nel comune sentire, si fa fatica a considerare il catcalling come violenza?

«È molto più facile rubricare come violenza qualcosa di manifesto e ben visibile ed emarginarlo a qualcuno: questo deresponsabilizza la maggior parte delle persone, facendo pensare “è lui, non posso essere io”. È giusto quindi inserire il catcalling, come tutte le altre violenze, nel contesto patriarcale e sessista in cui vengono agite, in quanto non fanno altro che riaffermare le dinamiche di potere su cui si fondano la violenza e lo stupro. In questa disparità una donna, messa sempre nella condizione di subalternità, arriva anche ad avere timore di andare per strada, considerata come un oggetto a disposizione da apostrofare, ma anche da intimidire. Che si possa dire che la violenza di genere e la misoginia rappresentano un problema pubblico, non privato. Riguardano tutti, non solo chi le vive sulla propria pelle. Evidenziamo a gran voce che vogliamo essere libere. Perché, come dice una storica frase femminista ripresa anche dai movimenti trans-femministi, “tutte le strade libere le fanno le donne che le attraversano».

Casa delle Donne di Jesi è un gruppo di lavoro che offre aiuto alle donne vittime di abusi e violenze. Lo sportello è attivo tutti i giorni al numero 366 481 83 66.

 

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.