Caterpillar, incontro al Mise delude i sindacati | Password Magazine

Festival Pergolesi

Caterpillar, incontro al Mise delude i sindacati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da Fiom Ancona

JESI –  «Un incontro deludente, la proposta dell’azienda è inaccettabile. Ora dobbiamo costruire risposte sindacali di mobilitazione adeguate». Lavoratori Caterpillar e sindacati sul piede di guerra dopo il tavolo di confronto convocato dal Mise e avvenuto nel pomeriggio di ieri, in modalità remoto. Un incontro durato circa tre ore, cui hanno preso parte rappresentanti sindacali, la direzione aziendale Caterpillar e le istituzioni, ovvero il Ministero dello Sviluppo Economico, del Lavoro e la Regione Marche. L’obiettivo era quello di intavolare una trattativa.

«I prossimi giorni ci sarà una nuova convocazione – fa sapere Mirco Rota, della segreteria nazionale Fiom – Un risultato parziale ma almeno siamo riusciti ad affidare ufficialmente questa discussione in capo al Mise, cosa per cui abbiamo faticato per settimane. Il giudizio è particolarmente negativo perché la proposta che ha fatto l’azienda, tramite l’avvocato che assiste Caterpillar, è inaccettabile. Sulla base degli interessi industriali manifestati, l’azienda ha riferito che ci sono altri due potenziali acquirenti (di cui uno è produttore di cilindri, l’altro no) e che stanno proseguendo le visite allo stabilimento. Per questo, abbiamo chiesto più tempo per consentire ai potenziali gruppi industriali interessati di fare le dovute valutazioni. Non si può decidere di acquisire un’azienda con la scadenza del 24 febbraio che incombe».

Proprio nei giorni scorsi, a far visita allo stabilimento di via Roncaglia è arrivata una delegazione di Duplomatic: «Caterpillar ha chiesto a Duplomatic una lettera di intenti entro il 14 febbraio, poi ovviamente ci sono gli altri interessati – prosegue Rota -. Alle nostre domande, l’azienda ha continuato a tergiversare poi, alla fine, ha fatto ‘un’apertura‘ assolutamente inaccettabile: Caterpillar si dice disposta a concedere ulteriori 12 mesi di ammortizzatori e cassa integrazione a patto che i sindacati a loro volta sottoscrivano che al termine dell’accordo i lavoratori non ricollocati presso l’azienda subentrante o altre situazioni andranno incontro a licenziamento». Negativo il giudizio sia delle forze sindacali tutte che dalle istituzioni: «Questo non è un accordo ma un accordicchio che libera l’azienda da qualsiasi impegno – con possibilità di licenziamento se non arriva nessun nuovo acquirente dopo 12 mesi – e che non stimola Caterpillar a trovare nuovi investitori – prosegue Rota -. Abbiamo fatto nuove domande, l’amministratore delegato è stato molto latitante nelle risposte. Il Ministero ha allora chiesto, nel pieno rispetto della privacy, di poter conoscere i termini di discussione in corso con Duplomatic e di verificare gli altri due soggetti, per comprendere se è uno specchietto per allodole o se ci sono le condizioni».

Infine: «Per noi oggi, a distanza di un mese, è impensabile che un’azienda si presenti a un tavolo ministeriale con l’obiettivo di avere in tasca l’accordo di licenziare quando l’atteggiamento dovrebbe essere di impegno di industrializzazione. Lunedì ci sarà una nuova assemblea con tutti i lavoratori di modo da poter aprire il confronto e fare una valutazione: c’è bisogno di costruire risposte sindacali di mobilitazione adeguata. Passano i giorni e se non portiamo a casa aperture concrete rischiamo di condurre i lavoratori a un passo dal licenziamento. Il Ministero ha dato un giudizio negativo e si spera lavori con strumenti propri per intervenire su questa multinazionale».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.