Caterpillar, la protesta dei lavoratori scende in piazza | Password Magazine

Festival Pergolesi

Caterpillar, la protesta dei lavoratori scende in piazza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ci sono il teatro comunale illuminato, le casette del mercatino di Natale pronte ad aprire e poi ci sono loro, i lavoratori di Caterpillar. Le luci gioiose e le decorazioni delle Feste contrastano con la rabbia e la delusione dei dipendenti dello stabilimento industriale jesino che, dopo aver presidiato i cancelli dell’azienda, questo pomeriggio si sono radunati in piazza della Repubblica per un sit-in di protesta. Chiedono risposte, certezze sul loro futuro.

Sono 260 i lavoratori jesini che rischiano di restare senza lavoro: la multinazionale americana ha annunciato infatti nella mattinata di ieri la decisione di chiudere il sito marchigiano che opera a Jesi. «Tutto questo è inaccettabile, per noi e per il nostro territorio – dicono le RSU – E’ da criminali chiudere uno stabilimento che lavora a pieno regime su tre turni, con richiesta di straordinari al sabato, bilanci in attivo e senza problemi finanziari. Ieri si è aperta una vertenza che non colpisce lo noi lavoratori ma tutto il territorio e che dovrà coinvolgere tutte le istituzioni territoriali. Non è accettabile la facilità con la quale una multinazionale può decidere del destino di centinaia di persone e famiglie».

Il presidente della Regione Francesco Acquaroli e il sindaco di Jesi Massimo Bacci hanno espresso solidarietà ai lavoratori, annunciando interventi. Solidarietà anche dalle altre forze politiche.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.