Caterpillar, presidio dei lavoratori davanti ai cancelli: «Facciamo un Natale di lotta» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Caterpillar, presidio dei lavoratori davanti ai cancelli: «Facciamo un Natale di lotta»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Davide Fiordelmondo, immagine dal video pubblicato sui social pagina 'Caterpillar Senza Tregua'

JESI – Il presidio dei lavoratori Caterpillar davanti ai cancelli della fabbrica prosegue #senzatregua. Questo l’hashtag coniato sui social dai dipendenti dello stabilimento jesino che anche durante il giorno di Natale non hanno abbandonato i cancelli della fabbrica.

«Oggi facciamo un Natale di lotta» afferma in un video Davide Fiordelmondo, delegato FIOM e operaio metalmeccanico alla Caterpillar di Jesi, già intervenuto lunedì scorso in Consiglio comunale – La nostra seconda famiglia è qui con i compagni di lavoro della Caterpillar e anche oggi ci troviamo qui a presidio. Per noi è importante mantenere la lotta perché per noi il lavoro è qui e non deve andare via. Non molleremo mai, la nostra lotta è la lotta di tutti. Senza tregua».

Tante le manifestazioni di solidarietà nei confronti dei lavoratori che, appresa la decisione della multinazionale di chiudere lo stabilimento di Jesi, ora vedono il loro futuro sempre più incerto. Lo dimostra anche la nutrita partecipazione di forze politiche, associazioni, lavoratori, sindacati e cittadini alla manifestazione avvenuta il 23 dicembre a sostegno degli operai. Una vicinanza che si è fatta sentire anche oggi, ancor di più che è Natale. C’è chi è arrivato con cibo e bevande da offrire ai manifestanti, chi si è recato con uno striscione o semplicemente ha portato il proprio sostegno con la presenza.

Parole di solidarietà erano arrivate ieri anche dal sindaco Massimo Bacci che, appena dimesso dall’ospedale dove era ricoverato per covid, aveva rivolto sui social un pensiero ai lavoratori della Caterpillar: «Grazie alla città che si è stretta attorno alle lavoratrici e ai lavoratori della Caterpillar, facendo sentire la piena solidarietà per una decisione della proprietà tanto sciagurata quanto assurda – sono le sue parole -. Confido vivamente che la forte spinta che giunge dal territorio (ho apprezzato molto la presenza dei colleghi sindaci), dalla Regione e dai parlamentari marchigiani possa presto portare all’apertura di un tavolo presso il Ministero dello Sviluppo Economico che ho sempre considerato assolutamente indispensabile per trovare una soluzione che tuteli lavoratrici e lavoratori».

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.