Caterpillar, rappresentanti sindacali in Comune: «Il lavoro non si può svendere» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Caterpillar, rappresentanti sindacali in Comune: «Il lavoro non si può svendere»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Licenziati anche se l’azienda era sana, la vicenda Caterpillar ricorda per certi tratti quelli della Sadam». Così il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi, oggi, durante la seduta che ha visto intervenire sindacati e rappresentati dei lavoratori della Caterpillar. Poi l’appello a tutte le forze politiche di unirsi, compatte, insieme alla città, per una sincera manifestazione di solidarietà nei confronti dei 270 dipendenti dello stabilimento jesino che la multinazionale americana ha deciso di chiudere.
A prendere la parola, in Consiglio comunale, è stato prima Davide Fiordelmondo, delegato FIOM da più di 16 anni e da 24 operaio metalmeccanico alla Caterpillar di Jesi: «Dovevamo andare in Confindustria per l’incontro semestrale, programmato da contratto, dove si doveva parlare dell’andamento aziendale e di assunzioni perché i volumi erano in aumento – racconta -. Lo stabilimento jesino conta circa 70 contratti a tempo determinato ed erano previste assunzioni di 20/25 dipendenti a tempo indeterminato. All’occasione, avremmo dovuto conoscere anche il nuovo ad della Caterpillar. Purtroppo l’accoglienza è stata tutt’altro che rassicurante: ad attenderci c’era un furgone nero, con tanto di bodyguard che, al passaggio del direttore e dell’avvocato, si sono piazzate all’ingresso». Dopo i saluti iniziali, la notizia che nessuno si aspettava: «Ci hanno comunicato che il Cda aveva deciso di chiudere lo stabilimento jesino. A quel punto, ce ne siamo andati e abbiamo proclamato sciopero davanti all’azienda». Questo quanto accaduto.

WhatsApp Image 2021-12-20 at 17.31.23 (1)
Ma che azienda era la Caterpillar di Jesi? «La nostra era una realtà leader a livello europeo e nel mondo, più volte finita sulle pagine di riviste americane. Ha conquistato riconoscimenti e premi come quello assegnato dall’INAIL che collocava la nostra tra le cinque aziende più sicure d’Italia. Un’azienda sanissima e competitiva: la decisione di chiudere è, secondo noi, solo una questione di speculazione azionaria e geopolitica, perché il mercato europeo non è appetibile come quello indiano o sudamericano. Non si tratta neanche di costi: ci sono terzisti che lavorano a prezzi più bassi ma a noi hanno parlato solo di chiusura».

Fiordelmondo chiede al Comune di esprimere solidarietà per i lavoratori apponendo uno striscione fuori, in occasione della manifestazione indetta per il 23 dicembre e che si terrà in centro.

«Abbiamo bisogno di sentire il calore e la vicinanza delle istituzioni – sono le parole di Donato Acampora, altro rappresentante sindacale -.  Stiamo chiedendo manifestazioni di solidarietà anche agli altri Comuni del territorio. Tutti voi potete fare pressione maggiore e provare a mantenere forte la situazione in Regione perché temo che questa vertenza non riesca ad arrivare a Roma».WhatsApp Image 2021-12-20 at 17.31.22«Il 23 porteremo le famiglie in piazza, questa è un’occasione storica per dimostrare che il lavoro non si può svendere così facilmente. L’occasione è storica perché questa azienda non sta fallendo. Non sta passando il lavoro a un Paese dove i stipendi costano meno. Non è vero. Abbiamo ragione di credere che il nostro lavoro andrà in Germania dove gli stipendi sono tra più alti d’Europa. Ma lì, però, opera una ditta cinese che utilizza materiali pessimi. Il risultato sarà produrre cilindri al costo minore del 20% rispetto ai nostri. Di questo e altro chiederemo domani all’AD durante l’incontro che si terrà in Regione». Donato racconta di aver ricevuto la notizia di licenziamento proprio nel giorno del suo compleanno: «Se è un problema di costi, lo vogliamo sapere – dice -. Cambiamo nome piuttosto, troviamo soluzioni: ma continuiamo a fare cilindri. Quest’anno ne abbiamo prodotti 171 mila e la previsione per il 2022 era di 191 mila e c’erano già richieste per più turni»

C’è speranza per lo stabilimento jesino? «La legge sulla delocalizzazione non penso che possa salvarci perché le variazioni ‘allungherebbero solo il brodo’, come si dice. Se passa la legge e se si riesce a metterla nella vertenza, non si va comunque fuori dalla trattativa finché non c’è un accordo».

A cura di Chiara Cascio

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.