Cattivi odori, insetti e ratti al Carlo Urbani. Il Tribunale Diritti del Malato sollecita interventi | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Cattivi odori, insetti e ratti al Carlo Urbani. Il Tribunale Diritti del Malato sollecita interventi

JESI – Una comunicazione alla Direzione dell’Area Vasta 2, in cui si sollecitano interventi su alcuni aspetti strutturali e di carattere igienico-sanitari del Carlo Urbani: la richiesta è stata inviata questa mattina dal Tribunale per i Diritti del Malato al fine di tutelare la sicurezza e la salute del paziente.

“Il primo aspetto è quello delle vasche di accumulo acqua nei sotterranei del nuovo ospedale per le quali abbiamo chiesto l’installazione di pompe di sollevamento acqua al fine di evitare accumuli di acqua ove proliferano già larve di insetti ed ove peraltro passano anche le tubazioni fognarie – spiega il presidente dott. Pasquale Liguori –  Stamane si avvertivano cattivi odori rivenienti dalle grate di protezione ai sotterranei. Tra non molto dovrebbero iniziare i lavori di installazione della nuova cucina e ci auguriamo che vengano presi i necessari provvedimenti in sede di progettazione per rendere protetta questa area da eventuali accessi indesiderati di ratti e insetti vari che ogni tanto già fanno capolino nell’ area del Pronto soccorso”.

Il secondo aspetto segnalato è quello delle infiltrazioni di acqua di condensa dei climatizzatori nell’atrio del nuovo ospedale che sistematicamente si verificano alla riaccensione dell’impianto clima :”Ci auguriamo che, per tempo, si facciano le necessarie manutenzioni anche perché oggi l’ASUR ha sistemato scrivanie occupate da alcuni operatori che ovviamente non dovranno subire “piogge inattese”, precisa Liguori.

L’ultimo aspetto è quello del vecchio Murri: “Una struttura che sta cadendo letteralmente a pezzi  – è la denuncia del presidente del Tribunale per i Diritti del Malato – con balconi sempre più lesionati da crolli di intonaco che lasciano ormai intravedere i ferri del calcestruzzo e che possono essere pericolosi per l’incolumità di chi ci passa sotto”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.