Catturata dai carabinieri la banda dei self service carburanti: avevano già intascato 200 mila euro | Password Magazine

Catturata dai carabinieri la banda dei self service carburanti: avevano già intascato 200 mila euro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono caduti nella rete predisposta e gettata dai carabinieri della Compagnia di Jesi, agli ordini del maggiore Benedetto Iurlaro, i 5 rumeni che componevano la banda autrice di almeno una quarantina di furti – 10 dei quali nelle Marche e 2 di questi a Jesi – di denaro contante ai danni di colonnine self service installate sui distributori di carburante.
Per un ammontare di oltre 200 mila euro.
L’operazione, denominata “self control” è scattata mercoledì scorso a Tortona e Alessandria, dove dimoravano, e ha permesso di mandare in carcere due di loro mentre gli altri tre indagati sono stati sottoposti alla misura dell’obbligo di dimora e di firma 4 volte a settimana.
Si tratta di I.S. 26 anni, il capo banda, catturato a Milano; I.O. 23 anni e il fratello V.O. di 25; A.I.B., 29 anni; D.C.M. di 21 anni. Tutti già noti alle forze dell’ordine perché con precedenti.
Ad agire 6 carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Jesi, con i marescialli Roberto Scarpone e Fabio Del Beato, coadiuvati, nella fase esecutiva dai colleghi delle Compagnie di Alessandria, Tortona e Milano.
L’indagine, coordinata dalla Procura di Ancona con la dott.ssa Valentina Bavai, è nata dall’attenta analisi di un nuovo fenomeno criminale verificatosi non solo a Jesi ma anche ad Ancona, Pedaso, Loreto, nelle province di Pescara, Chieti, Aosta e Bergamo e che vedeva in azione proprio la banda con una tipologia di furti del tutto nuova nel panorama criminale, messi a segno da mai esperte che disponevano di rudimentale ma efficace strumentazione.
L’abilità degli autori permetteva di non mandare in allarme il dispositivo elettronico, agendo direttamente sul lettore delle banconote che veniva fatto scivolare indietro, senza creare alcun corto circuito nel dispositivo elettronico. Quindi introducendo un’asta di metallo sottile, alla cui estremità era posizionato del collante, riuscivano a prelevare l’intero contante normalmente contenuto nella cassaforte.
Sovente i gestori si accorgevano degli ammanchi solo all’apertura del lunedì mattina o per via di qualche segnalazione di avaria dell’impianto dia parte di qualche cliente.
Gli autori, di norma una coppia, selezionava i distributori situati su strade ad ampia visuale, agendo in concorso e operando con estrema calma.
Anche rapide fughe per nascondersi durante il transito di autovetture.
Travisando i loro volti con delle magliette, uno effettuava materialmente l’effrazione prelevando i soldi, mentre l’altro fungeva da palo.
Lo scorso mese di ottobre 2016, però, la svolta.
Nell’ambito di normali servizi di controllo del territorio, venivano sottoposti ad accertamenti – la mattina del 30 – due cittadini romeni segnalati come “sospetti” dal titolare di una gioielleria. Entrambi con numerosi precedenti, erano a bordo di una Golf segnalata in zone nelle quali erano stati commessi furti ai danni di self service del nord d’Italia.
La loro presenza a Jesi, quindi, visto il verificarsi il 20 ed il 30 ottobre di furti della stessa matrice ai danni rispettivamente del distributore M3 di via Roma e del distributore Total di Via Don Minzoni, insospettiva i carabinieri.
Così i militari iniziavano a monitorare i due e, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Ancona, ad approfondire i loro spostamenti e contatti.
Durante le fasi investigative, non semplici anche perché tra loro i malviventi comunicavano in rumeno criptato, i militari ricostruivano l’intera mappa dei furti commessi dalla banda, composta da 6 persone – la sesta si troverebbe in Romania – tutte di nazionalità romena e con sede operativa in provincia di Alessandria.
La Procura della Repubblica di Ancona, condividendo le risultanze investigative del Nucleo Operativo e Radiomobile di Jesi, chiedeva ed otteneva dal Gip del Tribunale le 5 misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati. Due di loro, come detto, destinatari di misura cautelare in carcere, sono stati rispettivamente localizzati e bloccati ad Alessandria e Milano e rinchiusi nelle locali case circondariali, mentre gli altri 3 indagati sottoposti alla misura dell’obbligo di dimora e di presentazione alla Pg.
La cattura di Milano è avvenuto grazie al fiuto investigativo dei carabinieri di Jesi che non erano riusciti a trovare I.S. in casa e sembrava che si fosse volatilizzato in patria. Da un’accurata disamina della situazione, però, saltava fuori che l’uomo era stato controllato tempo prima in via Padova, a Milano. Così i militari là si sono diretti e là l’hanno beccato, incrociandolo mentre passava a bordo della sua Jaguar in compagnia della fidanzata.
Si renderanno, comunque, necessarie altre indagini al fine di addebitare loro altri furti che, in tempi precedenti all’avvio delle investigazioni, sono purtroppo ancora rimasti a opera di ignoti.
A cura di Pino Nardella

1 Commento su Catturata dai carabinieri la banda dei self service carburanti: avevano già intascato 200 mila euro

  1. Rimpatrio veloce con lista crimini , la ce li mettono in galera e ce li tengono ,non sono morbidi come da noi ed e’ x questo che vengono in Italia . Tempo fa un ragazzo che compiva 18 anni l’ha detto chiaro e tondo in TV che era venuto qua x salvarsi dalla galera .

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.