Cavalcavia in buono stato, necessari comunque interventi

JESI – Meno preoccupante del previsto lo stato di conservazione del cavalcavia, il ponte sovrastante viale della Vittoria che collega la città storica a via Gramsci. La relazione di vulnerabilità statica, infatti, richiesta dall’Amministrazione comunale “evidenzia che le condizioni di conservazione delle soffittature e delle parti non strutturali sono precarie, mentre quelle della struttura portante sono complessivamente discrete e le armature riscontrate durante la campagna di indagini risultano coerenti con la normativa di origine e con gli schemi statici usualmente impiegati all’epoca di costruzione”.

Il cavalcavia, evidenziano i tecnici, necessita comunque di interventi di manutenzione tesi essenzialmente ad allontanare le acque dalla struttura portante nonché azioni di rinforzo della struttura orizzontale per l’adeguamento alle norme. Solo interventi manutentivi, invece, per i sostegni verticali.

Individuata anche la tipologia di intervento suggerito: l’inserimento di lamine di fibra di carbonio come rinforzo della struttura portante. Intervento, questo, che ha costi di acquisto e di posa in opera contenuti rispetto ad altre soluzioni (come la posa in opera di travature in acciaio) e che comportano lavori più veloci.

L’Area Servizi Tecnici procederà ora alla realizzazione del progetto definitivo con il quale si potrà avere un’idea precisa delle spese necessarie, permettendo così all’Amministrazione comunale di come individuare le risorse e stimare i tempi di realizzazione.

Unico limite di questo intervento, l’impossibilità di transito dell’autoscala dei vigili del fuoco. Ma la constatazione che nelle immediate vicinanze del cavalcavia non esistono strutture strategiche soggette a costante controllo dei vigili del fuoco e soprattutto la presa d’atto che esistono collegamenti alternativi tra le due “sponde” del ponte, ha reso tale limite facilmente superabile e dunque non ostativo per procedere con la progettazione definitiva dell’intervento.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*