CDC Jesi, raccolta firme per una legge a difesa dei Beni Comuni

JESI – Il CDC di Jesi in qualità di Comitato territoriale per la difesa dei beni pubblici e comuni si sta organizzando in favore della raccolta delle firme per la presentazione al Governo di una Legge di Iniziativa Popolare sui beni pubblici e Comuni.

Da alcuni mesi è iniziata in Italia una campagna di raccolta di firme che, riprendendo le conclusioni della Commissione Rodotà del 2007, ha lo scopo di inserire nel Codice Civile la categoria dei beni Comuni da aggiungere ai beni Pubblici e Privati già presenti. Secondo questa proposta di legge, il bene Comune viene inteso come “bene funzionale all’esercizio dei diritti fondamentali della persona”: questi bene si individuano in tutte quelle risorse naturali materiali come l’acqua, l’aria, la terra o immateriali come la sanità, il lavoro, l’istruzione in grado di garantire l’applicazione dei principi costituzionali che salvaguardano la tutela della persona rispetto alla logica di mercato.  Anche il CDC Jesi e Vallesina – Comitato Territoriale Beni Comuni “S. Rodotà” – ha aderito alla campagna firme poiché ritiene fondamentale l’applicazione di una riforma del genere: «Per noi è importante portare avanti questa campagna firme per la tutela e la salvaguardia delle generazioni future dal pericolo della vendita delle proprietà pubbliche in atto da alcuni anni da parte dello Stato in tutte le sue espressioni, centrali e locali – spiega Enzo Beccaceci del CDC – la nostra raccolta firme è iniziata e proseguirà fino agli inizi di luglio e affinché vada a buon fine si dovrà arrivare a 50000 firme in tutta Italia».

Nell’ambito di questa campagna, il CDC ha organizzato un incontro aperto alla cittadinanza con il professore Ugo Mattei presso la Casa del Popolo di Via XXIV Maggio per mercoledì 15 maggio alle 18. Ugo Mattei è professore di Diritto Internazionale e Comparato all’Università della California a San Francisco e di Diritto Civile all’Università di Torino ed è stato vice Presidente della Commissione Rodotà sui beni Comuni.

La raccolta firme del CDC Jesi e Vallesina è ufficialmente iniziata e per ora lo si può fare con un documento d’Identità nel Comune di Jesi (presso la segreteria del primo piano) e negli uffici dell’Anagrafe dei comuni della Vallesina. A partire dal 29 maggio basterà andare in uno dei banchetti de CDC che verranno disposti lungo Corso Matteotti.

Per tutti coloro che volessero approfondire il tema o collaborare, lo può fare contattando il n. 3406693006 o tramite il sito del Comitato Popolare di difesa dei Beni Pubblici e Comuni “S. Rodotà”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*