C'è chi inventa bugie e chi è pagato per dormire: le professioni più assurde anticrisi

Con la crisi, cala l’occupazione ma cresce la fantasia di chi, nonostante le difficoltà del periodo, vuole arrivare alla fine del mese.
Nascono così nuove professioni e attività, alcune tanto assurde quanto di successo.

Ne sa qualcosa il giovane imprenditore tedesco Patrick Ulmer, 28 anni, venditore di bugie. La sua azienda offre servizi che vanno dai finti messaggi telefonici, all’organizzazione di vacanze inesistenti o la gestione di indirizzi postali inventati. Tutto quello che può servire a costruire o mantenere una seconda vita o identità. Qualche prezzo: un sms falso costa 9 euro, 59 euro per una falsa casella postale, 89 per costruire una finta vacanza.

Il successo è tale che Ulmer sta per aprire una filiale in Austria.

Se invece, si possiedono buone doti comunicative, se si è estroversi e simpatici si può diventare  tentare una carriera come animatore di chat.  Il suo compito è interagire con gli utenti delle chat e delle comunità virtuali, stimolando la conversazione e moderando i toni degli utenti,  per un guadagna complessivo di circa 800/1000 euro al mese. Il miglior modo per diventarlo è frequentare le chat e studiare le modalità di interazione tra gli utenti.

Per chi non si stupisce di nulla, c’è un lavoro davvero originale, il portatore di fiori al cimitero, addetta anche ad accendere i ceri, figura professionale ricercata tra chi non può o non vuole andare al cimitero…un lavoro che non conosce fine.

Oppure, si può decidere di aprire un’agenzia di noleggio di colombe per cerimonie, un business molto particolare, ma che sembra stia andando bene.

Il lavoro può essere anche puro relax, come per chi è assunto come tester di materassi: Roisin Madigan, studentessa di Birmingham, è pagata per collaudare dei lussuosi letti e successivamente annotare le proprie impressioni.

Anche Phil Latam ha la fortuna di essere pagato per dormire: è stato scelto su 1000 candidati per testare sacchi a pelo per una società che produce ricambi auto e attrezzature da campeggi.

C’è poi chi sceglie di diventare una vera e propria pubblicità vivente, facendosi tatuare sul corpo il nome di un’azienda o di un prodotto, o chi diventa annusatore di ascelle, impiegando il proprio olfatto per “analizzare” alcuni volontari che si sono prestati al test di un deodorante e scoprire se la formula funziona o deve essere cambiata o modificata.

Gli amanti dei quattro zampe potrebbero tentare una carriera come detective per animali, sulle tracce di cani e gatti smarriti, o come assaggiatore di cibo per cani, vero e proprio esperto del gusto chiamato a giudicare la qualità del cibo per animali domestici.

C’è chi ha tratto profitto dalle deiezioni dei propri cani: una ragazza americana, a un certo punto della sua vita ha deciso di vendere online… finti escrementi di cani. Il portale si chiama Dogdoo.com. Ma chi compra finti escrementi di cani? Se ne stiamo parlando, significa che l’idea ha avuto successo…

Roba da matti? Non esattamente, solo esempi stravaganti che testimoniano l’inventiva e la capacità di adattamento dei lavoratori nei momenti di crisi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*