C'è un bullo in classe, i compagni costretti allo sciopero | Password Magazine

Festival Pergolesi

C’è un bullo in classe, i compagni costretti allo sciopero

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI – «Non ci sentiamo al sicuro nel mandare i nostri figli a scuola, per questo abbiamo indetto uno sciopero». Negli ultimi due giorni – ieri e oggi – i bambini di una classe di scuola primaria di Jesi non sono andati a lezione per volontà dei genitori, in protesta per atti di bullismo. «Sono due anni che i nostri piccoli subiscono botte, interruzioni di lezioni, parolacce e insulti da parte di un bambino – sostengono le famiglie -. Abbiamo fatto una relazione al vice Questore, sono state figure professionali e assistenti sociali ma nulla. Le maestre le hanno provate di tutte. Ecco perché chiediamo a gran voce che vengano adottate misure efficaci a tutela dei nostri figli».

Sono 14 gli alunni della classe che in questi due giorni non sono andati a scuola, tutti praticamente tranne il bambino-bullo.  «Abbiamo mostrato estrema pazienza e interesse all’inclusione del bambino e della famiglia stessa, anche cercando più volte un contatto diretto con i genitori e la scuola, proponendo e chiedendo iniziative per il miglioramento della situazione – dicono le famiglie -. Visto che però non ci sono stati risultati, dopo due anni, ci siamo mossi con questa ulteriore iniziativa, con il solo obiettivo di garantire il diritto all’istruzione ed alla incolumità fisica e psicologica di tutti i bambini e non di uno solo». Per i genitori le misure già adottate dalla scuola non sono sufficienti a tutelare il benessere fisico e psicologico dei loro figli e chiedono alla Direzione scolastica di emanare provvedimenti disciplinari nei confronti dell’alunno, determinati anche a intraprendere vie legali se necessarie

La dirigente scolastica Lidia Prosperi, a capo dell’istituto scolastico San Francesco cui la scuola appartiene, fa sapere: «Non nego l’esistenza a scuola di una situazione di problematicità. Credo che però i toni utilizzati per descrivere questa circostanza siano esasperati». E spiega: «L’istituto, preso atto del problema, sin da subito si è attivato, adottando tutte le misure possibili. Sono state effettuate riunioni online, è stato attivato lo psicologo e altre figure professionali. La situazione è monitorata ed è stato fatto tutto ciò che una scuola può fare per risolverla».

 

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.