Centinaia di fedeli in piazza per la Festa mariana | | Password Magazine

Centinaia di fedeli in piazza per la Festa mariana

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Domenica al Santuario delle Grazie di Jesi si è svolta la solenne Festa mariana. Dopo le celebrazioni delle Sante Messe – alle 7,30, alle 9, alle 10,30, alle 12,15 – dal vicario della diocesi mons. Giuseppe Quagliani, alle 12 la preghiera a Santa Maria delle Grazie e alle 18 il canto dei vespri e la processione guidata dal vescovo Gerardo che in piazza della Repubblica ha rivolto a Maria la preghiera per la città e per la diocesi, circondato da centinaia di fedeli.

Dall’articolo di padre Giampiero Molinari pubblicato sulla rivista “La Madonna del Carmine” n. 2 del 2016:

«L’affresco della Madonna delle Grazie presente nel santuario jesino ci spinge in modo particolare a scorgere nella maternità spirituale di Maria il riflesso della misericordia di Dio. Tale raffigurazione rientra nella tipologia della “Madonna del manto”: allargando il mantello Maria protegge i fedeli raccolti sotto di esso. Maria, Regina e Madre di misericordia, invita il cristiano a un impegno effettivo nella carità, come lascia trasparire il formulario della Messa in suo onore: “Accetta, o Signore, i doni del tuo popolo, e per intercessione della Vergine Maria, fa’ che ci mostriamo misericordiosi verso i fratelli, per ottenere la tua clemenza” (Orazione sulle offerte). Del resto, nell’icona evangelica della visitazione (cf. Lc 1,39-56), ci si presenta proprio come modello di attenzione al prossimo. Nel suo amore materno, la Vergine delle Grazie ci sprona dunque a vivere con frutto questo ‪#‎GiubileodellaMisericordia‬. L’entrare nel suo santuario e il sostare in preghiera dinanzi alla sua effige deve condurci a sperimentare la misericordia di Dio, in particolare attraverso la celebrazione del sacramento della riconciliazione, e a diventarne in qualche modo un riflesso tramite l’esercizio della carità verso i fratelli che il Signore vorrà porre sul nostro cammino.»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.