Centouno anni dopo la rivolta dei Bersaglieri: la mostra fotografica - Password Magazine

Festival Pergolesi

Centouno anni dopo la rivolta dei Bersaglieri: la mostra fotografica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Inaugura alle 17.30 di oggi, martedì 16 dicembre, la mostra fotografica “La rivolta dei Bersaglieri di Ancona e le giornate rosse di Jesi – centouno anni dopo”, che si terrà presso la Galleria di Palazzo dei Convegni fino al 22 novembre, a cura dell’Istituto Gramsci Marche, col patrocinio del Comune di Jesi.

L’episodio storico da cui nasce la mostra è passato alla storia come “la rivolta dei Bersaglieri”, quando, nella notte del 26 giugno 1920 presso la caserma di Villarey ad Ancona, un numeroso gruppo di militari dell’11° Reggimento Bersaglieri si ribellò all’ordine di partire per Valona e combattere contro gli albanesi.

Un episodio che è parte della “guerra di Valona” (4 giugno – 2 agosto 1920), strascico delle vicende della Prima guerra mondiale. Proprio in Albania infatti l’Italia voleva creare un Protettorato, ma alla fine del conflitto rimasero all’Italia solo Valona e l’isolotto di Sàseno. Tuttavia, il contrasto tra Regno d’Italia e governo provvisorio albanese, che si era formato a Durazzo nel dicembre 1918, si fece sempre più teso e sfociò, nel giugno 1920, in una serie di scontri armati della durata di tre giorni, chiamate poi le “Giornate Rosse”.

Partita da Ancona, la ribellione si estese a macchia d’olio fino a raggiungere la Romagna, Roma, Trieste e Milano. Era il punto culminante del cosiddetto Biennio rosso (1919-20). Il 26 giugno la Camera del Lavoro di Jesi, guidata da esponenti dei partiti sovversivi, indisse un comizio per esprimere la solidarietà ai Bersaglieri, proibito dal prefetto ma svoltosi ugualmente.

Per celebrarne i centouno anni, le Organizzazioni Culturali di Jesi che si richiamano a tale tradizione politica (Centro cooperativo mazziniano, Circolo di cultura politica Sandro Pertini, Centro studi libertari Luigi Fabbri) dedicano una tre-giorni a questa memoria storica.

Vasto il programma: dopo l’inaugurazione, domani 17 novembre alle ore 17:30 l’evento di sposterà alla sala del Palazzo dei Convegni con una tavola rotonda a cura di UDI Jesi (Unione Donne in Italia di Jesi) titolata“Tra politica e lavoro: dai primi movimenti emancipazionisti alle attuali forme della partecipazione delle donne”, con un intervento di Francesca Bartolacci, Ninfa Contigiani, Serena Cavalletti e Tiziana Mosca. A seguire, il 18 novembre alle ore 21 si terrà presso il Teatro il Piccolo lo spettacolo “In Albania non si va! Canzoni e storie di anarchia, di rivolte e di Bersaglieri” a cura del gruppo musicale “Canzoniere dell’Anpi, composto da Tamara Ferretti, Tania Pisani, Sergio Brocani e Daniele Rossetti alle voci, Roberto Anselmi e Vito Cantarini alle chitarre e al mandolino, Bruno Lasca alla fisarmonica e Leonardo Lasca al basso. Dopo il debutto nel giugno scorso ad Ancona, viene riproposta una performance che ha il sapore di un viaggio attraverso le canzoni del movimento anarchico-socialista e reading a cura di Maria Romana Maiori e Dario Ponissi (su testi originali di Michela Vanni) che ricostruiscono la rivolta del 25 giugno 1920 e i fatti jesini che ne seguirono. Lo spettacolo è ad ingresso libero con prenotazione obbligatoria al numero 3703686850

Si conclude il 19 novembre alle ore 17.30 presso la sala di Palazzo dei Convegni con gli interventi di Ero Giuliodori, Riccardo Piccioni e Mattia Refi in “La rivolta dei Bersaglieri e le giornate rosse di Jesi”.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.