Centrale Biogas inquina l'Esino. Denunciato per la seconda volta il responsabile | | Password Magazine

Centrale Biogas inquina l’Esino. Denunciato per la seconda volta il responsabile

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

MAIOLATI SPONTINI – Un tratto del fiume Esino inquinato a causa dei liquami provenienti da una centrale biogas nel comune di Castelbellino (come precisato dalla forestale, ndr). Sono state le segnalazioni dei cittadini ad attivare i controlli, avvenuti stamattina, da parte della forestale di Jesi ed Ancona che hanno accertato il danno ambientale. Fin dal primo intervento la situazione è sembrata critica, fanno sapere gli operatori, poiché il colore dell’acqua era bruno scuro per un lungo tratto fluviale. Una porzione così ampia che si è reso necessario l’intervento dell’elicottero da Falconara consentendo così di risalire al punto preciso in cui le acque inquinate confluivano nell’asta fluviale principale. Il fenomeno si estendeva fino a pochi chilometri dalla costa, con acque scurissime. Accertato che le acque contaminate risalivano ad un impianto biogas nel comune di Castelbellino, il personale Arpam ha effettuato le analisi del caso. La forestale precisa inoltre che lo sversamento è situato nel comune di Maiolati Spontini, precisamente in località Monteschiavo.

 

Lo scorso mese di maggio, gli agenti di Jesi San Marcello e Genga avevano già denunciato il gestore della medesima centrale Biogas, il quale aveva effettuato lo spandimento del materiale organico in grande quantità concentrandolo in poche aree coltivate di ridotte dimensioni, site a monte del Fosso del Lupo e non in modo uniforme come invece prescritto dalle norme vigenti. Il responsabile legale dell’azienda, verrà deferito nuovamente alla Procura della Repubblica di Ancona per i reati di inquinamento ambientale, danneggiamento aggravato di acque pubbliche, illecita utilizzazione agronomica degli effluenti agricoli, deturpamento del paesaggio, rischia pene fino a sei anni di reclusione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.