Centro Al-Huda, più ampio e con nuovo ingresso. In progetto una nuova moschea | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Centro Al-Huda, più ampio e con nuovo ingresso. In progetto una nuova moschea

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Al centro, ricontriamoci tutti” è lo slogan di richiamo per questa giornata all’insegna del dialogo e del reciproco riconoscimento per una città al plurale. Il Centro Islamico Al-Huda apre le porte alla città, ampliato e rinnovato negli ambienti. Ad iniziare dall’ingresso che non sarà più da via Erbarella ma da viale della Vittoria: «Una nuova entrata più sicura, con uno spazio verde dove i bambini possono stare all’aperto – fa sapere Wahbi Youssef  il coordinatore di Al-Huda  – La precedente sarà invece chiusa, troppo esposta al traffico e pericolosa». Il centro è stato poi allargato, diventando quasi il triplo grazie al recupero e trasformazione di un magazzino fatiscente in un’aula scolastica, ben arredata, riservata allo studio. «La comunità islamica è cresciuta molto negli ultimi tempi, siamo diventati davvero tanti e avevamo bisogno di più spazio – continua il presidente Youssef , in carica dal 2015 – Ora questo nuovo ambiente è aperto a chiunque”.

Presenti a questa mattina il sindaco Massimo Bacci, assessori, consiglieri comunali, il consigliere Kazi Fokhrul Islam, rappresentanti della Consulta per la Pace, associazioni cittadini e consiglieri stranieri delle città di Ancona e Senigallia.

Sono circa 200 bambini, d’età compresa tra i 5 e i 16 anni, che nei pomeriggi . La scuola è aperta tutto il giorno, dalle 16.30 alle 9, con possibilità per gli allievi di frequentare nei diversi orari, secondo le necessità: «Le materie che vengono insegnate servono ai giovani ad apprendere le proprie radici, cercando di dar loro l’educazione giusta e tenendoli lontani dalla cattiva strada».

Firmata oggi la convenzione tra l’associazione e la scuola di Stato per dare il via ai corsi rivolti per adulti. Sono già una quarantina le persone, tra uomini e donne, che in questa sede hanno potuto apprendere la lingua italiana.

Tante anche le iniziative estese a tutta la comunità jesina, più di 5 all’anno: il Cuscus Day, che ha richiamato 800 persone,il Torneo “Un Pallone per la Pace, che ha visto protagoniste 24 squadre; i mercatini di Natale e altri eventi in collaborazione con la Consulta per La Pace.

Va avanti anche il progetto della realizzazione di una nuova moschea: un terreno è stato già individuato nella zona industriale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.