Centro Azzeruolo: un nuovo passo verso l'apertura | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Centro Azzeruolo: un nuovo passo verso l’apertura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Centro Azzeruolo prossimo all’apertura: sarà il primo centro regionale specializzato, operativo 24 ore su 24, con una progettualità specifica per i pazienti con disturbi dello spettro autistico. Una struttura residenziale e semiresidenziale che sarà attivata in via sperimentale per una durata massima di 12 mesi e, al termine dei primi otto, l’Asur rendiconterà gli esiti della sperimentazione al fine di acquisire le informazioni necessarie per la definizione degli standard più consoni per l’assistenza di questa tipologia di utenza.

L’assegnazione della gestione della struttura ad una delle cooperative che hanno partecipato all’appalto è prevista entro metà Novembre: tre aziende hanno presentato domanda per assumere l’incarico e una di queste è stata esclusa per la mancanza dei requisiti richiesti. Al momento una Commissione tecnica sta valutando le offerte delle cooperative ancora in gara. Saranno 9 i soggetti, tutti maggiorenni, che potranno essere accolti nella prima fase sperimentale del centro che permetterà di definire le linee guida utili alla Regione per avviare nuove strutture su tutto il territorio marchigiano. Gli ospiti, che saranno selezionati dall’Asur, potranno vivere all’Azzeruolo, seguiti da personale specializzato. «Con il tempo, vorremmo portare l’utenza a 20, disponendo la struttura all’accoglienza diurna – sono le parole dell’assessore alla Sanità Maria Luisa Quaglieri – Un impegno questo che abbiamo preso con profonda responsabilità, cercando di dare una risposta alle famiglie che hanno bisogno di assistenza».

Il Comune di Jesi e l’Asp (Azienda ai Servizi alla Persona) stanno lavorando d’impegno affinché l’apertura del centro sia attuabile possibilmente entro l’anno. La Giunta comunale ha approvato il progetto definitivo per gli arredi della struttura, che sorgerà in via Roncaglia per un importo complessivo di 60 mila euro.

Con la legge regionale 25/2014, la regione Marche è tra le prime a dotarsi di una normativa organica sui disturbi dello spettro autistico, promuovendo la piena integrazione sociale, scolastica e lavorativa di soggetti autistici e riconoscendo la loro patologia altamente invalidante, che necessita una presa in carico a 360 gradi.

A cura di Giovanna Borrelli

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.