Centro storico, più spazio ad attività commerciali e terziarie | Password Magazine
Festival Pergolesi

Centro storico, più spazio ad attività commerciali e terziarie

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sarà presto possibile ampliare attività commerciali, artigianali ed uffici, ma anche aprirne di nuovi,  lungo corso Matteotti, piazza della Repubblica e le vie Mura Occidentali ed Orientali.

La Giunta comunale, nella sua ultima seduta, ha infatti dato mandato ai Servizi Tecnici di modificare l’articolo del piano particolareggiato del centro storico che vietava, in tali zone, aumenti di superfici utili rispetto a quelle già destinate ad usi commerciali e terziari.

Il provvedimento punta a valorizzare le attività produttive e di servizi in centro e viene incontro anche a sollecitazioni manifestate in tal senso da parte degli operatori economici. Tra l’altro si basa sulle disposizioni inserite nel nuovo piano regolatore che prevede, per gli edifici del centro storico, un utilizzo al 70% di superficie utile lorda per uso residenziale ed al 30% per uso commerciale e terziario.

Pertanto, per quegli edifici ricadenti in tale zona che hanno una superficie utile tra attività commerciali, artigianali e di servizi inferiore del 30%, sarà possibile ottenere un ampliamento della superficie stessa fino al raggiungimento del tetto previsto dalla norma del piano regolatore. Questo si traduce nella possibilità sia di ampliare attività già presenti, sia di insediarne delle nuove.

“Si tratta di una decisione – ha spiegato l’assessore all’urbanistica Cinzia Napolitano – che vuole valorizzare il centro storico nella sua accezione più ampia. Dando la possibilità di ampliare le superfici per il commercio, l’artigianato e i servizi, infatti, non solo si dà un prezioso aiuto a quegli operatori economici che scelgono di consolidare qui le proprie attività o di aprirne delle nuove, ma si stimola gli stessi proprietari ad un recupero complessivo dell’edificio stesso e dunque anche delle superfici residenziali con ciò incentivandone il ripopolamento”.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.