Banner Aprile IH Victoria

Ceriscioli: «Virus rallenta, meno casi nelle terapie intensive». Annunciata ordinanza mascherine

REGIONE – «Si mantiene la tendenza di rallentamento della crescita del virus. Superata la vetta del 1° aprile, siamo vicini alla discesa». Così il presidente della Regione Luca Ceriscioli commenta i dati del Gores che delineano una oramai evidente frenata dei contagi: «I cittadini hanno rispettato con rigore le direttive delle ordinanze, quasi come in Cina – aggiunge il Governatore delle Marche -. L’effetto si sente: nella giornata di oggi sono meno di cento i tamponi positivi su 700 analizzati. Un numero basso cui si aggiunge pure un’altra considerazione: se nella prima fase il rapporto dei contagiati era di uno ogni tre (o due nel periodo più critico),  con i tamponi testati prevalentemente su casi sintomatici, i dati attuali mostrano che si sta allargando anche la ricerca, estendendola anche a soggetti non sintomatici». A questo si aggiunge l’intenzione della Regione di operare con dinamicità e a pieno regime per accorciare la distanza tra laboratorio e luoghi dove vengo eseguiti i test, così da efficientare il sistema. «Altro dato importante è la diminuzione dei pazienti ricoverati in terapia intensiva – aggiunge Ceriscioli -. Calando l’epidemia, scende anche il numero dei casi più gravi».

Da 170, i ricoverati in terapia intensiva sono arrivati a 130 negli ultimi dieci giorni. Anche l’impiego di farmaci, somministrati a casa, hanno contribuito a creare un effetto effetto positivo.

Continua comunque l’attenzione della Regione per il progetto 100 alla Fiera di Civitanova, così da passare gradualmente alla normalizzazione delle strutture sanitarie regionali : «Attualmente i reparti covid sono ancora tutti impegnati – spiega il presidente -. L’obiettivo è iniziare a lavorare quanto prima con Asur per ridurre il numero delle aree covid negli ospedali, ‘ripulendoli’ dall’infezione per andare poi verso una diminuzione graduale dei presidi utilizzati per i contagi. Serve per arrivare al punto finale, ovvero al ritorno della normalità. Considerando che ad oggi le esigenze di altri pazienti risultano compresse, se non considerate urgenti, prima si tornerà ad avere strutture sanitarie liberi da covid più velocemente la sanità potrà tornare a dedicarsi anche a chi soffre di altre patologie».

Per quanto riguarda l’ordinanza sull’uso delle mascherine, Ceriscioli annuncia: «La stiamo predisponendo e l’intenzione è di seguire il modello della Regione Emilia Romagna, cercando una condivisione con il Ministero.  Il provvedimento insisterà con i cittadini sul contenimento del virus ma avrà anche una spinta verso la fase 2, cui sta lavorando il Governo. Più aperti dunque ma anche più protetti, rafforzando i comportamenti per evitare la diffusione del contagio». Sulle tempistiche chiarisce: «Dipenderà da quanto impiegherà il Ministero a valutare la nostra proposta».

A cura di Chiara Cascio

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.