Cesaretti: "La città ha bisogno di felicità" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Cesaretti: "La città ha bisogno di felicità"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Paolo Cesaretti, candidato sindaco UDC

Ecco l’ultima delle interviste che la redazione di Password ha realizzato ai candidati sindaco di Jesi. Questa volta, incontriamo Paolo Cesaretti, candidato per la lista UDC.

Dott. Cesaretti, in uno slogan recita “La mia esperienza per la ripresa”. Quale valore aggiunto può dare nella gestione della città?

“Sono dottore in Scienze agrarie, cresciuto nel mondo degli scout da cui ho ricevuto il senso civico e i valori dell’impegno e del rispetto verso la comunità e l’ambiente. In passato, ho arricchito le mie competenze operando quindici anni nella promozione e tutela del sistema cooperativo in Confcooperative, un’esperienza bellissima che mi ha permesso di entrare in contatto con gli operatori e le realtà amministrative: mi sono relazionato con Comuni, Province, Regioni e Ministeri. Ho imparato a muovermi tra le istituzioni, a calamitare finanziamenti nel territorio, a cogliere e usufruire delle opportunità che si presentavano mano a mano. Oggi vorrei mettere questa mia esperienza a servizio della città: da guida, potrei ricondurla verso la ripresa”.

In che modo?

“Dando una struttura agile al Comune, sulla base del modello aziendale. L’Amministrazione sarà composta da cinque assessorati, di cui uno presieduto dal Sindaco. L’assessore al Quotidiano sarà incaricato ai rapporti con il cittadino; quello al Bilancio terrà sotto controllo i conti del Comune; l’assessore alla Ripresa economica si occuperà del motore della città e dunque di industria, artigianato, servizi ma anche cultura; l’assessorato alla Qualità della vita gestirà l’utile sociale. In città, bisogna iniziare ad essere felici”.

Perché la scelta di un’impostazione imprenditoriale?

“Perché sono convinto che, come un’azienda, così anche un’Amministrazione deve saper guardare al futuro, cogliere le opportunità e decidere. Il “programma-lista della spesa” non è più sufficiente, servono obiettivi a lungo periodo e idee precise sulla direzione da prendere. Solo con un una buona guida, un Comune può prendere posizione, con un sì o con un no, davanti a delle scelte: aspettare fa perdere tempo, denaro e opportunità. La macchina comunale funziona meglio se ai vertici ci sono persone che sanno quello vogliono”.

Cosa pensa della questione del bilancio?

“Ogni azione deve avere una sua copertura, sia essa economica o sociale. I fondi ci sono ma bisogna saperli trovare e calamitarli sul territorio. Forse l’Amministrazione uscente non ha saputo cercarli”.

Che cosa ha in programma per la città?

“Provenendo dal mondo della cooperazione, ho intenzione di coinvolgere di più le Amministrazioni comunali della Vallesina, creando delle relazioni vincenti per lo scambio diretto di informazioni, approfondimenti, risoluzione delle problematiche, personale e servizi. A tal proposito, sarà istituito un assessorato specifico alle Politiche di sviluppo nella Vallesina. È una città felice, inoltre, quella pronta a venire incontro al protocollo di Kyoto nella riduzione dei gas inquinanti: per questo, il progetto è quello di rientrare nei parametri del patto, promuovendo e ricercando forme di energia rinnovabile. Si è più  felici laddove il Comune sia partner dell’imprenditore e permetta di “fare impresa” sul territorio, nel modo più semplice, più rapido e più profittevole possibile. Lo sviluppo del settore turistico e culturale della città di Jesi è una altro punto fondamentale del programma. Infine, qualità della vita vuol dire anche il rispetto dei diritti degli animali, per questo vorrei dedicare agli amici dell’uomo appositi spazi attrezzati dove possano stare e passeggiare indisturbati”.

Chi sono gli altri candidati della lista?

“La squadra rappresenta tutte le fasce sociali e le attività presenti sul territorio. Ci sono molti giovani, alcuni anziani e devo dire anche una buona partecipazione di donne. Insieme, condividiamo un forte entusiasmo”.

Quale esito si prefigura?

“Non ho preso parte a questa competizione per fare cornice: mi propongo alla cittadinanza come opportunità di cambiare. Spero che arrivo questo mio messaggio di nuova politica che metta il cittadino al centro dell’attenzione”.

a cura di Chiara Cascio

© vietata la riproduzione foto e testi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.