Cesoie e ferri di cavallo, da Piazza Colocci riaffiora la bottega di un maniscalco

JESI – Un paio di cesoie, ferri di cavallo, vomeri di un aratro e un anello da traino: sono gli oggetti emersi da uno dei siti di scavo di piazza Colocci, laddove probabilmente si trovava la bottega di un maniscalco o di un fabbro.


Si rafforza l’ipotesi degli archeologici secondo cui la piazza era un tempo un quartiere medievale con botteghe artigianali e piccole abitazioni, risalenti al XII secolo, inglobate poi all’interno del Palazzo comunale di cui si ammirano ancora oggi le fondazioni e pilastri. Una ricostruzione affascinante, conformata dalle fonti storiche e dai ritrovamenti: oltre ad un focolare, il primo reperto di cui demmo notizia, spunta ora anche una piccola vasca o bacinella, probabilmente utilizzata per lavare gli indumenti.

La vasca

Piazza Colocci si conferma sempre più “una finestra inedita sul Medioevo”, come l’ha definita la Soprintendenza, che ha voluto che questo cantiere fosse per Jesi a cielo aperto, un’esperienza nuova di public archeology per consentire ai cittadini di assistere ai lavori in un sito considerato  di grande valenza storica e scientifica.

Prorogate fino al 15 settembre le visite guidate agli scavi, in programma ogni mercoledì e venerdì, alle ore 18.00 – 18.45 – 21.00 – 21.45 –  (Gruppi massimo 20 persone per turno di visita). Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 3471760919

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.