"Che cosa sono le nuvole", omaggio a Pier Paolo Pasolini | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

“Che cosa sono le nuvole", omaggio a Pier Paolo Pasolini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un grande appuntamento che mixa musica, teatro e ricordo, quello proposto dalla Scuola Musicale G.B.Pergolesi di Jesi con il  patrocinio del Comune di Jesi-Assessorato alla Cultura e la collaborazione della Fondazione Pergolesi Spontini in programma per martedì 28 giugno pv al Teatro comunale G.B.Pergolesi, in piazza della Repubblica. “Che cosa sono le nuvole”, questo il titolo dello spettacolo omaggio a Pier Paolo Pasolini su testi a cura degli studenti della quarta sezione As del Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci di Jesi, vedrà la partecipazione degli allievi delle sezioni musica e teatro della Scuola Musicale G.B.Pergolesi. Una settantina di allievi al lavoro su testi, drammaturgie e musica. In scena, sul palcoscenico del massimo jesino, vedremo anche l’Orchestra della Scuola Musicale Pergolesi diretta dal maestro Stefano Campolucci e il Coro della Scuola diretto dal maestro Luca Mancini.

Ad impreziosire lo spettacolo, che sancisce la chiusura dell’anno scolastico della Scuola Musicale, la partecipazione amichevole dell’artista Gastone Pietrucci anima e voce del gruppo folk La Macina che interpreterà come voce solista il brano “Che cosa sono le nuvole” di Modugno, accompagnato dall’Orchestra della Scuola.

Ad aprire lo spettacolo, gli allievi Elena Tittarelli al flauto e Riccardo Bongiovanni alla chitarra con “Pavane op.50” di Fauré, poi Serena Stronati al pianoforte con “December”, op.37 n.12 da Le Stagioni di Tchaikowski. Poi tocca all’Orchestra (composta da 24 allievi ai violini, viola, contrabbasso, violoncelli, flauti, tromba, tastiere e percussioni) portare in scena “Rondeau, badinerie” da Suite n.2 di Bach. Continuano gli allievi Consuelo Pollonara e Giada Luzi, pianoforte a quattro mani per “Sheep may safely graze” di Bach; Matteo Lombardi (pianoforte) e Caterina Ortolani (chitarra) in “Fenesta calucive”; e di nuovo l’Orchestra ad accompagnare il mezzosoprano Nadia Borgognoni nell’interpretazione di “Amado mio” (Roberts/Fisher), il mezzosoprano Antonella Zallocco e il soprano Silvana Marzano nello

“Stabat Mater Dolorosa” di Pergolesi. Poi l’Orchestra eseguirà “Exodus” (di Gold) prima di cedere a scena ai cantanti con una grande canzone carica di vive emozioni: Antonella Zallocco e Giuseppe Chimenti cantano “Roma nun fa la stupida stasera” di Trovajoli accompagnati dal pianista Saverio Santoni. Continuano poi gli allievi Riccardo Stronati e Matteo Lombardi ai flauti nell’esecuzione del duo dal “Flauto Magico” di Mozart; Elena Tittarelli (flauto), Tommaso Scarponi (violino), Alessandro Jencenella (clarinetto), Riccardo Bongiovanni (chitarra) e Tamara Albanesi (violoncello) in “Serenata” di Schubert. Il soprano Veronica Punzo interpreterà lo struggente “Ave Maria” di Piazzolla accompagnata dall’Orchestra della Scuola, mentre gli allievi Alessandro Jencenella al clarinetto e Silvia Moretti al pianoforte eseguiranno “Fantasistykke” di Nielsen. L’ “Agnus” dei K317 di Mozart sarà portato in scena dal soprano Agnese Scortichini, dal soprano Silvana Marzano, dal contralto Antonella Zallocco e dal tenore Giuseppe Chimenti, dal basso Marco Messina accompagnati dal Coro e Orchestra della Scuola. Sempre il Coro e l’Orchestra saranno protagonisti di “Nella Fantasia” di Morricone, mentre l’Orchestra eseguirà il brano “Andante festivo” di Sibelius. In scena, oltre agli allievi delle sezioni musicali classiche, anche gli attori Giada Lancioni, Federico Fattori, Elisa Radicioni, Andrea Anderlucci.
L’ingresso è libero.

Info e prenotazioni per il prossimo anno scolastico: scuola Musicale
Pergolesi, palazzo San Martino in corso Matteotti 50, tel.0731 205856.
Info, www.scuolapergolesi.it – info@scuolapergolesi.it

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.