Chiaravalle, carabiniere in borghese sventa furto in auto. Tre arresti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Chiaravalle, carabiniere in borghese sventa furto in auto. Tre arresti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CHIARAVALLE – Ieri pomeriggio, grazie alla sinergia dei vari reparti ed alla collaborazione di un militare in abiti civili, i Carabinieri di Chiaravalle e Monte San Vito, hanno arrestato tre giovani – A.D.G. , C.S. e M.D.G. le iniziali – d’età compresa tra i 25 e i 33 anni, tutte tre nomadi italiani residenti tra Ancona e Falconara Marittima.

“Continua il nostro impegno nella lotta ai reati contro il patrimonio, una delle priorità di tutta la componente della Compagnia Carabinieri di Jesi –  ha dichiarato il Comandante Magg. Benedetto Iurlaro – Intensificando i controlli e agendo in borghese, siamo costantemente a lavoro, come un tamburo battente, per capire dove e quando è necessario intervenire”.

Tutto è accaduto a Chiaravalle, in una zona periferica, di campagna: tre individui, con fare sospetto, inscenando un guasto al motore, sostavano con la loro Fiat Punto rossa nelle vicinanze di una casa colonica, dove era parcheggiata anche l’autovettura della proprietaria – una signora di 55 anni – intenta a governare gli animali.
Fortunatamente, nei paraggi, si trovava un carabiniere in borghese che assisteva alla scena: approfittando dell’assenza della donna, i tre uomini si avvicinavano all’autovettura della signora e prelevavano il portafogli dall’abitacolo.

Dato immediatamente l’allarme, sul posto convergono subito le pattuglie di Chiaravalle e Monte San Vito che, guidate rispettivamente guidate Maresciallo Domenico Maurelli e Salvatore Pazienza, dopo qualche minuto localizzano e bloccano l’autovettura con i tre soggetti a bordo.
Sottoposti a perquisizione personale – probabilmente certi di non essere stati notati – i tre giovani vengono trovati in possesso del portafogli di cui non si erano ancora  liberati. All’interno del portafogli, c’erano circa 70 euro.
Portati in caserma, dopo ulteriori e più approfonditi accertamenti, i tre, già noti alle forze dell’ordine, vengono dichiarati in arresto e, dopo le formalità di rito, accompagnati presso le rispettive abitazioni in attesa della celebrazione del rito direttissimo, così come disposto dal PM di turno. I tre responsabili, in capo ai quali è stato contestato il reato di furto aggravato in concorso, saranno anche proposti per l’applicazione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio.

Stamattina presso il Tribunale di Ancona, l’arresto è stato convalidato e i tre sono stati rimessi in libertà, in attesa del processo, fissato tra 15 giorni.

Sono in corso da parte dei Carabinieri della Stazione di Jesi ulteriori accertamenti per comprendere se i tre siano responsabili di furti analoghi avvenuti in tutto il territorio di giurisdizione.

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.