Chiaravalle e il biodigestore: «È ora di mobilitare la cittadinanza» | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Chiaravalle e il biodigestore: «È ora di mobilitare la cittadinanza»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CHIARAVALLE – «È certo una buona cosa che il consiglio comunale di Chiaravalle abbia discusso sulla questione “biodigestore“ e pure approvato un documento che sottolinea i rischi e le preoccupazioni per il nostro territorio circa l’impatto di questa infrastruttura nel già complicato equilibrio ambientale di una zona per legge definita ad elevato rischio di crisi ambientale». Così tuona Rifondazione comunista Chiaravalle: «Tuttavia, non solo il ritardo con cui questa discussione è stata avviata, che ha impedito in sede di Assemblea territoriale d’Ambito (ATA, partecipata da tutti i sindaci della provincia) di formulare e verbalizzare da parte del Sindaco queste riserve, ma pure i contenuti di questo documento ci sembrano insufficienti per rimettere in discussione una scelta che, se realizzata, regalerà a Chiaravalle solo tanti svantaggi.

Non basta infatti supplicare i “sindaci dei Comuni più grandi di valutare con più attenzione la scelta che si accingono a compiere” per scongiurarla. L’Amministrazione di Jesi (quella che doveva essere partner strategico con Falconara e il nostro comune per tutelare insieme gli interessi della bassa Vallesina) ha già scelto secondo il proprio particolarissimo interesse e i tempi per decidere sembrano avviarsi a scadenza.

Occorreva una proposta alternativa precisa e dettagliata, occorre soprattutto un impegno che prima, in sede ATA, e poi, nel territorio, formalizzi questo dissenso e attivi tutte le iniziative necessarie per fermare questa scellerata decisione.

Ci facciamo quindi portatori di una proposta, convochi l’Amministrazione comunale quanto prima un’assemblea pubblica dove oltre che informare e discutere si costruisca una proposta e un comitato per sostenerla, capace con la mobilitazione e tutte le altre forme democratiche di intervenire.

Di più, questo appuntamento dovrebbe a nostro parere essere l’occasione per una riflessione ulteriore sulla crisi ambientale della nostra zona a cominciare da come intervenire e agire nei confronti del prossimo rinnovo della concessione all’API oramai alle porte (2020)»

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.