Chiaravalle in lutto per la scomparsa di Giorgio Candelaresi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Chiaravalle in lutto per la scomparsa di Giorgio Candelaresi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CHIARAVALLE – Ieri mattina un grande chiaravallese, Giorgio Candelaresi, è venuto a mancare.

Nato a Chiaravalle, poi trasferitosi a Senigallia ma rimasto sempre profondamente legato al suo paese natale (tanto da aver rivestito nel nostro Comune il ruolo di consigliere e di direttore della biblioteca), tra il 1969 e il 1983 Giorgio è stato il principale artefice di una straordinaria e indimenticabile stagione culturale per la comunità chiaravallese: una stagione di cui il fervore cinefilo degli anni Settanta fu il volto più vistoso ma non certo l’unico.

Grazie a una figura e a una storia come le sue ci sentiamo nani sulle spalle di giganti. Ed è per questo che, dopo aver ricevuto nel 2016 la cittadinanza onoraria di Chiaravalle, lo scorso anno Giorgio era tornato al suo paese, in ben tre occasioni: per permettere alla comunità di raccogliere e registrare la sua preziosa testimonianza sugli anni del suo impegno nella città; per tenere a battesimo – lui giovane nell’animo in mezzo a tanti giovani d’età – la cine-rassegna estiva “Solit@ri interconnessi”; e per presentare il suo ultimo libro dedicato all’esperienza della scuola di pace di Senigallia nel primo incontro di “Se c’è una strada sotto il mare”.

Mancheranno il suo perenne e contagioso entusiasmo, la ricchezza dei suoi interessi e dei suoi stimoli, la lungimiranza delle sue visioni. Da oggi Chiaravalle è orfana di una figura tanto incisiva per la sua storia; ma – ciò che più conta – è anche erede dell’immenso tesoro umano e culturale che Candelaresi è stato.

Al seguente link è possibile vedere la dichiarazione di affetto e di stima di Gianni Aquili per l’amico Giorgio Candelaresi registrata nel corso della suddetta intervista:

GGG (Grandi Giganti Gentili)

NANI SULLE SPALLE DI GIGANTIÈ in arrivo la VI edizione de “I giovani raccontano il cinema dei giovani”, una rassegna molto cara a tanti chiaravallesi e non. In essa si fondono due delle dimensioni in cui abbiamo maggiormente creduto e investito in questi cinque anni, prefiggendoci di fare altrettanto nei prossimi: la centralità dei giovani (della loro energia e creatività, del loro sguardo sul mondo, della loro fame di futuro) e la vocazione cinefila di Chiaravalle (che, come un fiume carsico, dalla stagione d’oro degli anni ’70 arriva fino a noi).Infatti, con le sue sorelle minori “Le donne raccontano il cinema delle donne” e “Un filosofo al cinema”, questa rassegna è il frutto di un albero dai tanti rami: un albero che affonda le sue radici tra il 1969 e il 1983, quando Chiaravalle conobbe una straordinaria stagione culturale e in particolare cinefila grazie ad un manipolo di coloro che Pennac chiama passeur, “i curiosi di tutto, quelli che leggono tutto, che non confiscano”. Li guidava Giorgio Candelaresi, che nel nostro Comune ha ricoperto anche la carica di Consigliere e il ruolo di Direttore della Biblioteca. È grazie a una figura e a una storia come le sue che ci sentiamo nani sulle spalle di giganti.Ed è per questo che, dopo avergli conferito la cittadinanza onoraria nel 2016, domenica I luglio potremo scoprire – in apertura di questa rassegna dedicata ai giovani – la perenne, contagiosa giovinezza di Giorgio in una video-conversazione inedita. Verranno inoltre proiettati, assieme ad altri contributi audiovisivi, i trailer dei film in programma e presentati i sei curatori.Ecco, in anteprima dell'anteprima, una pillola di saggezza in cui, accanto a Giorgio Candelaresi, compare – parafrasando il libro di Roald Dahl e il film di Steven Spielberg – un altro GGG (Grande Gigante Gentile) come lui, Gianni Aquili.Vi aspettiamo!

Pubblicato da Comune di Chiaravalle su Mercoledì 27 giugno 2018

Banner-Montecappone
Montecappone

1 Commento su Chiaravalle in lutto per la scomparsa di Giorgio Candelaresi

  1. ricordo bene la sua figura di studioso impegnato,in quanto io, calabrese nativo di trebisacce, in quel periodo lavoravo insieme ad altri due calabresi originari di alessandria del carretto come assistente chirurgo presso l’ospedale di Ostra con il chiarissimo dott. Antonio De Iasi come primario.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.