Chiaravalle, teatro gremito per "Favole al Vento"

CHIARAVALLE – Un teatro Valle gremito, il tutto esaurito dei grandi eventi, ha accolto sabato sera “Favole al Vento”, progetto editoriale e benefico a cura dell’Associazione Un Battito di Ali onlus per sostenere il reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia inantile e congenita degli Ospedali Riuniti di Ancona. Il libro – cinque favole ottimamente illustrate dal grafico Stefano Gregori – racconta storie di solidarietà, collaborazione, amicizia. Protagonisti gli animali ma mossi da quei sentimenti che dovrebbero animare il cuore degli uomini. Lo scrittore, il cardiochirurgo Andrea Quarti, ha presentato il suo primo libro con una verve da showman, raccontandosi e facendosi conoscere anche come cantante (ha alle spalle gli studi al Conservatorio di Bergamo) e musicista. Accompagnato da un ensemble d’eccezione – Marco Santini (violino, pianoforte), Emanuele Gatta (chitarra), Paolo Principi (fisarmonica), Maurizio Scocco (basso) – ha portato per mano il pubblico nelle atmosfere del suo libro. Una intensa lettura di una delle favole, portata in scena dall’attrice Giulia Poeta, e poi la musica a sottolineare una serata di grandi emozioni. Brani classici, strumentali e ormai noti nel panorama del bel canto italiano come “Parlami d’amore Mariù”, “La mia canzone al vento”, “Musica Proibita”, “Cristo delle Marche”. La parola poi all’avvocato Paola Duca per un saluto da parte dell’associazione Un Battito di Ali onlus – realtà costituita a Jesi per aiutare i bambini cardiopatici e sostenere, incentivare e favorire l’attività svolta dal Reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Congenita e Pediatrica degli Ospedali Riuniti di Torrette – e per un ringraziamento all’Amministrazione comunale di Chiaravalle che ha gentilmente messo a disposizione  il teatro Valle inserendo “Favole al Vento” nel progetto socio-culturale “Città dei Diritti”. Toccante poi la testimonianza diretta di Eva, 16 anni, una giovanissima paziente del dottor Marco Pozzi che è salita sul palco e ha voluto condividere con gli spettatori quella che è stata la sua esperienza nel reparto di Cardiochirurgia pediatrica di Torrette. Un momento di grande pathos, quando la giovane ha raccontato, con una certa emozione, di quel lato umano dei medici e infermieri che emergeva anche senza il camice addosso. Le cure e le premure, le terapie ma anche l’affetto. L’attenzione e la compartecipazione emotiva alla sua storia, tutti elementi che fanno comprendere meglio di qualsiasi slide o presentazione ufficiale, quanto sia importante l’attività del Reparto diretto dal dottor Marco Pozzi. Un’unità operativa efficiente, fiore all’occhiello della sanità nazionale. Ma soprattutto un’eccellenza per il trattamento dei piccoli pazienti e dei loro genitori, perchè le cure non passano solo attraverso le terapie ma anche attraverso quello che fa bene al cuore. Ai presenti è stata donata una copia del libro. Le donazioni abbinate al volume andranno a sostenere il progetto di prevenzione sulle cosiddette ‘morti bianche’, le tragedie improvvise degli atleti sui campi di gioco, portato avanti dal reparto di Cardiochirurgia pediatrica. Per avere una copia del libro, contattare Un battito di ali onlus alla pagina Facebook, al sito www.unbattitodiali.it – tel. 0731 080393/ 3207856781; info@unbattitodiali.it; sede dell’Associazione in viale della Vittoria, 2 a Jesi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*