Chiarimenti su ordinanza: chiusi cinema, disco e teatri, aperti piscine, palestre e centri sociali | | Password Magazine

Chiarimenti su ordinanza: chiusi cinema, disco e teatri, aperti piscine, palestre e centri sociali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MARCHE – La Regione ha pubblicato una nota esplicativa in merito all’ordinanza del Presidente della Giunta regionale per il contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. 
Chiarimenti, in sostanza, circa le attività che sono sospese fino al 4 marzo e quelle che invece no.

Lo stop riguarda manifestazioni come: «fieremercati straordinari e sagreattrazioni e luna parkconcertieventi sportivi che prevedano la presenza di pubblico (campionati, tornei e competizioni di ogni categoria e di ogni disciplina) e attività di spettacolo quali rappresentazioni teatralicinematografiche, musicali, ecc., comprese le discoteche e le sale da ballo, eventi e manifestazioni promozionali (meeting, convegni e sfilate, ecc.). Sono consentite le attività musicali presso i locali ove queste non rappresentino attività prevalente».

Non sono sospese invece attività che attendono all’ordinario svolgimento della pratica corsistica e amatoriale (corsi di varia natura e allenamenti sportivi). Si precisa che potranno dunque rimanere aperti i luoghi di svolgimento dell’attività corsistica ordinaria di vario tipo (centri linguistici, centri musicali e scuola guida), gli impianti sportivi (centri sportivi, palestre pubbliche e private, piscine pubbliche e private, campi da gioco, ecc.), e in generale tutte le strutture quando le attività non prevedano aggregazione di pubblico (“porte chiuse”) o eccezionali concentrazione di persone.

Sono escluse da tale sospensione anche le attività economiche, agricole, produttive, commerciali, di servizio e ricettive ivi comprese i pubblici esercizi e le mense, nonché le attività corsistiche aziendali, laddove non comportino significative concentrazioni di persone. Sono altresì escluse dalla sospensione le attività svolte da guide e accompagnatori turistici (limitatamente a gruppi composti da non oltre le 10 persone). Sono consentiti i mercati rionali e comunali, ovvero le attività commerciali svolte ordinariamente e programmate. Non possono essere inclusi nella sospensione i centri di aggregazione sociale (circoli ricreativi, centri sociali, centri giovanili, centri per anziani, orti urbani, e così via) per la parte di ordinaria attività. Non possono essere pertanto ricomprese nella sospensione, le attività di sostegno, supporto e riabilitazione alle persone anziane e diversamente abili (come i  servizi semi residenziali e centri diurni) e attività di accoglienza per persone in situazioni di fragilità sociale (centri di pronta accoglienza). Non si intendono sospese le celebrazioni civili di matrimoni ed esequie.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.