Chiesa di San Nicolò, dalle pareti spunta antico affresco

JESI – Una importante scoperta è stata effettuata nei giorni scorsi nella chiesa di S. Nicolò in Jesi, durante i lavori di restauro di un affresco posto a circa cinque metri nella navata centrale.

Questi lavori di restauro effettuati dalla Professoressa Pappagallo Francesca, docente e coordinatrice dell’Istituto di Restauro delle Marche dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, sotto l’egida del Ministero dei Beni Culturali, fortemente voluti dall’Associazione Templari Cattolici d’Italia. Commanderia ex Vale Esino, che custodiscono la chiesa dal 2012 e dai Padri Carmelitani del Convento di Santa Maria delle Grazie di Jesi, hanno portato alla luce un affresco presumibilmente databile tra l’anno 1000 e l’anno 1200.

Oggi dopo il restauro possiamo riconoscere le figure di due santi tra cui, a sx, un San Michele psicopompo che avanza tenendo co un dito una stadera dove sui sono visibili due figure femminili una per ogni piatto e al centro quel che resta di un orribile demone nero con corna, orecchie bovine e zampe di lupo che ghermisce una donnina nel piatto di dx della bilancia.

Sulla destra vi è l’immagine di un altro santo attualmente non identificabile, potrebbe anche trattarsi di una santa, regge con la mano dx il corto bastone di un vessillo e con la sx sembra mostrare un libro aperto.

Sopra le due figure sono i loro nomi in lettere latine, o almeno così sembrano, e citano … MIKAEL e altre lettere non identificabili.

Questa importante scoperta se confermata nella datazione porterebbe spostare indietro di diversi centinaia di anni la storia della Chiesa di S. Nicolò e lo stesso affresco posto a quell’altezza dimostrerebbe che la chiesa in quel periodo storico era già costruita come ora e quindi sicuramente doveva avere un’importanza e una dignità notevole per il territorio Jesino o oltre.

La scoperta di questa immagine nel dipinto se dimostrata la datazione nell’alto medioevo, potrebbe essere l’opera più antica della città di Jesi.

Dalle foto si possono individuare i particolari sopra citati, ma a noi Cavalieri ci piace giravi alcune domande che ci sono sorte mentre guardavamo questo affresco:

Perché quella croce gemmata?

Che rapporto c’ è fra l’ arcangelo e il santo?

Perché l’ angelo, anziché calzare dei sandali aperti o essere scalzo, calza quella che sembra una scarpa nera appuntita?

Presto, dopo il termine delle ricerche porteremo alla disponibilità della cittadinanza l’accesso alla chiesa di S. Nicolò ed al suo affresco medioevale.

Non nobis Domine non nobis, sed Nomini Tuo da gloriam.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*