Chiesa di San Nicolò intrappolata nel cantiere: «Eventi annullati» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Chiesa di San Nicolò intrappolata nel cantiere: «Eventi annullati»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Chiesa di San Nicolò, annullati tutti gli eventi in programma. Dopo che il cantiere dei lavori di restyling di Piazza Pergolesi ha inglobato la storica chiesa. Utilizzata da privati e associazioni come location per incontri, convegni e mostre, tutti gli organizzatori hanno preferito per ora cancellare la data, per questioni di visibilità. Custodita dai Padri Carmelitani del convento di Santa Maria delle Grazie di Jesi e gestita dall’associazione Cavalieri Templari Cattolici d’Italia, commanderia ex Val d’Esino, San Nicolò è stata interessata da sondaggi archeologici lungo entrambi i suoi lati. «Hanno rinunciato tutti, tranne uno. Ci avevano detto che questo cantiere sarebbe finito presto – sono le parole di Duilio Ricci, commendatore della commanderia – Senza averci contattato preventivamente, ci siamo ritrovati con la chiesa intrappolata nel cantiere. Una situazione difficile, soprattutto per i Padri carmelitani: San Nicolò era una risorsa e al momento non c’è più». Teatro di mostre, convegni e incontri, ora la chiesa scompare dietro le pareti “muraglia” del cantiere: è però ancora accessibile grazie ad un cancello mobile apribile in occasione degli eventi: «Durante la realizzazione del cantiere, c’eravamo fatti sentire, prendendo contatti sia con il Comune che con il direttore dei lavori – continua Ricci – Ora abbiamo chiavi e lucchetto di questo portale, quindi il luogo è accessibile. Però chi ha il piacere di utilizzare la chiesa come location è anche in cerca di visibilità e, ora come ora , per accedere alla chiesa bisogna entrare nel cantiere».
Proprio in questi giorni, nei pressi della chiesa, sono in corso gli scavi stratigrafici disposti dalla Soprintendenza: l’intervento sta interessando le immediate vicinanze della zona dove sono state rinvenute alcune ossa umane a testimonianza della presenza di sepolture , così come avveniva normalmente in quasi tutti gli edifici religiosi di epoca medievale. Il cantiere, che da febbraio scorso nasconde alla vista il monumento dedicato al compositore e il volto della Chiesa di San Nicolò, ha sollevato proteste anche da parte dei negozi che gravitano intorno la piazza, ora nascosti dai pannelli e isolato dal resto del Corso Matteotti, mentre l’edicola della piazza, non prevista nel progetto di restyling della piazza, è in attesa di trasferirsi definitivamente nei locali dell’ex Libreria Cattolica, per l’utilizzo dei quali si è in attesa del parere della Soprintendenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.