Chiesa San Pietro Apostolo, partiti lavori di recupero: riapertura entro l'anno | | Password Magazine

Chiesa San Pietro Apostolo, partiti lavori di recupero: riapertura entro l’anno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono partiti lunedì scorso i lavori di risanamento e messa in sicurezza della Chiesa di San Pietro Apostolo, chiusa al pubblico dal 2016  per i danni provocati dal sisma. Probabilmente già dal prossimo Natale, l’antica chiesa che si affaccia su via Andrea da Jesi, in centro storico, potrà essere riaperta al culto. La struttura era stata dichiarata inagibile da una commissione tecnica per la presenza di lesioni a uno dei due campanili, alla copertura e alla volta.  La spesa per l’intervento, finanziato da fondi ministeriali, è di oltre 136 mila euro come da decreto e comprende lavorazioni (soggette a rimborso), progettazione e opere della sicurezza. Dopo il risanamento dell’edificio, anche il sito archeologico dei sotterranei, anche questo da due anni chiuso per ragioni di sicurezza.

Un iter complesso, pieno di burocrazia, iniziato ad inizio 2017 e che ora sta per giungere a conclusione grazie al lavoro della squadra operativa nominata dal vescovo e composta dal delegato diacono Augusto Abbatelli, dal ragioniere Emiliano Togni e dalla dottoressa Giulia Giulianelli.

Sono undici le parrocchie nel territorio della diocesi nteressate da interventi post sisma e ora sulla strada della riapertura, per una spesa complessiva di 2,4 milioni di euro. Sono stati finanziati con l’8 per 1000 i lavori di recupero della chiesa di San Silvestro di Monte Roberto, riaperta domenica scorsa,  e quella di San Paolo di Jesi dove le attività riprenderanno dal 9 settembre. Le altre nove parrocchie hanno invece ricevuto fondi ministeriali per la ricostruzione. Oltre che San Pietro Apostolo di Jesi, gli interventi di risanamento sono in corso d’opera al Santuario di Santa Maria fuori Monsano, alla chiesa di San Pietro in Monsano, di Santa Maria delle Piagge e Santa Maria di Loreto a Castelplanio. Dovranno invece partire a breve i lavori alla chiesa di San Leonardo a Cupramontana, di Sant’Antonio Abate a Santa Maria Nuova, Santo Stefano a Maiolati, San Marco Evangelista a Castelbellino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.