Chirurgia a Ciclo Breve al Carlo Urbani: liste d'attesa ridotte e risparmio per la collettività | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Chirurgia a Ciclo Breve al Carlo Urbani: liste d'attesa ridotte e risparmio per la collettività

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – E’ operativa, nel corpo A settore laterale dell’ospedale Carlo Urbani, al quarto livello, la Chirurgia a ciclo breve: quattordici posti letto per il Day Surgery (interventi che prevedono la dimissione in giornata), il One Day Surgery (prevista una notte di ricovero) e Week Surgery (ricoveri dal lunedì al venerdì). “Si tratta di una preziosa implementazione dell’offerta sanitaria visto che tutte le branche chirurgiche usufruiranno del servizio – ha spiegato la dott.ssa Virginia Fedele – Ortopedia, Otorino, Oculistica, Urologia e anche Ginecologia, permettendo di smaltire le liste di attesa visto che la Chirurgia a Ciclo Breve accoglie i pazienti che necessitano di interventi la cui osservazione post-operatoria è inferiore alle 24 ore o comunque ai cinque giorni. Si pensi all’utilità nel caso della Ginecologia: con la concentrazione dei punti nascita potrebbero mancare posti letto per interventi dal decorso rapido che troverebbero qui la loro sistemazione. E’ merito del progresso nelle tecniche anestesiologiche se possiamo permetterci ricoveri così brevi”. Un esempio: un paziente che deve togliere un polipo al naso, oppure ernie, coliche biliari o emorroidi (parliamo solo di patologie benigne) che non richiedono oltre i cinque giorni di ricovero, vengono accolti nella Chirurgia a Ciclo Breve  dove, tra l’altro, c’è un servizio di preospedalizzazione che consente, in giornata, di effettuare le analisi del sangue, la consulenza con l’anestesista e lo svolgimento degli esami diagnostici. Questi esami sono utili per stabilire le condizioni del paziente e farlo arrivare in ospedale il giorno dell’intervento, senza inutili ulteriori giorni di ricovero. Ovviamente è lo specialista di riferimento che valuta la patologia e inserisce il paziente nelle liste d’attesa. Massimo Fonti è il responsabile del reparto che, affiancato ad un altro medico, vede impiegati quattro infermieri e quattro Oss. “ Questa nuova unità si inquadra nell’ottica del rispetto del paziente e consente di avere un turn over rapido dei letti consentendo alla struttura e alla collettività un considerevole risparmio – spiega il dott. Fonti – Il personale medico e

Dirigente Medico Responsabile UOSD Day Surgery, Dr. M. Fonti

infermieristico è dedicato a patologie di basa o media gravità. i passaggi sono quattro: il paziente viene selezionato (sotto gli 80 anni perché generalmente possono subentrare patologie più complesse), poi c’è la preospedalizzazione, l’intervento e le dimissioni con riferimenti precisi in caso di conseguenze”. Il paziente infatti, viene rimandato a casa con precise indicazioni su come contattare la struttura nel caso, eventuale, di complicazioni evitandogli di passare per il Pronto Soccorso. “Si tratta di patologie benigne, ma estremamente fastidiose che normalmente rischiano di far aspettare per l’intervento chi ne è affetto – continua il Direttore della Chirurgia Roberto Campagnacci – Le patologie oncologiche vengono prima e pertanto chi deve fare interventi più lievi rischia di dover convivere con il disturbo in attesa dell’operazione. La Chirurgia a Ciclo Breve offre più spazio alle patologie maggiori e permette quindi di smaltire le liste d’attesa”. In tutto sono sette stanze, con bagno, e delle poltrone per gli interventi più rapidi.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.