Chiude l'Ufficio postale di Castelbellino | | Password Magazine

Chiude l'Ufficio postale di Castelbellino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Si è svolto l’incontro tra Poste Italiane Direzione Regionale di Ancona in rappresentanza della Direzione Area Nord Centro con sede a Bologna e competente per le Marche.

Nonostante la disponibilità e la comprensione delle ragioni dell’Amministrazione Comunale da parte della Dirigenza locale, è arrivata la conferma della chiusura dell’Ufficio Postale di Castelbellino prevista per il 13 aprile.

La motivazione di Poste Italiane sono sempre la stesse: due uffici postali nello stesso Comune non sono ammissibili per le dimensioni di Castelbellino, entrambi sono presenti ad 1 km di distanza in linea d’aria (Pianello e Monte Roberto) e il volume delle operazioni postali e commerciali complessive dell’ufficio di Castelbellino molto basso. Infine, il fatto che non sia sostenibile per Poste Italiane la presenza di sette uffici postali nel raggio di 10 km.
Uno per ogni Comune è la norma che garantisce l’universalità del servizio, alla quale “L’ Amministrazione di Castelbellino, nonostante tutto, si è richiamata, sottolineando l’importanza del servizio erogato per il centro storico e per i residenti, molti dei quali anziani, ivi residenti – fa sapere il Comune di Castelbellino, attraverso le parole del vicesindaco Massimo Costarelli  – Per completezza si ricorda che l’ufficio postale di Pianello serve sia la comunità di Castelbellino che quella di Monte Roberto e, il fatto che nei due paesi gli uffici postali siano aperti soltanto per metà orario non è stato ritenuto assolutamente rilevante nel confronto complessivo sul quadro locale del servizio”.

Agcom, autorità competente per le comunicazioni, in sede di conferenza con le Regioni avrebbe confermato la chiusura dell’ufficio postale di Castelbellino e di altri 1167 in Italia; in relazione all’oggetto della chiusura dell’Ufficio Postale è stata discussa anche una interrogazione parlamentare e dal dibattimento è emersa la competenza dell’Autority Agcom , e non del Ministero dello Sviluppo Economico, pur trattandosi di una società che agisce con ingenti fondi pubblici.

L’Amministrazione Comunale, rappresentata dal Sindaco e dal Vicesindaco, hanno posto in discussione una serie di proposte molto utili dal punto di vista economico per Poste Italiane: la disponibilità a concedere un locale comunale in utilizzo alle Poste in comodato d’uso gratuito, la disponibilità ad elargire da parte del Comune di Castelbellino di contributi pubblici per il mantenimento del servizio, un percorso di condivisione di servizi finalizzato ad attività di riscossione di imposte o canoni comunali. Nulla di tutto ciò è stato ritenuto utile al fine della ridiscussione di quanto deliberato da Poste Italiane e da Agcom.
In poche parole, per Poste Italiane Area Nord Centro l’ufficio postale di Castelbellino e altri 1167 in Italia vanno chiusi. Punto. Nessun margine di trattativa.

Il Parlamento è stato informato, il Ministero non ha più competenza diretta nella questione trattandosi di una azienda del settore comunicazioni e di Poste Italiane, come soggetto giuridico privato, nonostante sia sostenuto con i contributi pubblici; Agcom ha deliberato in base alla normativa italiana ed europea, Comuni e Regioni in merito alla questione svolgono una funzione meramente residuale ed inascoltata.

“A questo punto, insieme ad altri comuni interessati, alle parti sociali, alle istituzione locali, vedremo quali iniziative di rivendicazione porre in essere al fine di garantire un servizio essenziale per le esigenze della comunità. I margini di trattativa ormai non ci sono più; la chiusura è netta rispetto qualsiasi ipotesi di ripensamento – ancora dal Comune – Nel frattempo abbiamo interessato alcuni Parlamentari marchigiani e preso contatto con i Sindacati del comparto per mettere in campo iniziative congiunte tra Istituzioni e parti sociali, previste per la prossima settimana. Presto firmeremo una petizione; se sarà utile, la porteremo anche alla firma ed alla conoscenza della cittadinanza. Valuteremo insieme agli altri Comuni marchigiani interessati quale percorso amministrativo è fattibile in merito all’opposizione totale contro il provvedimento di chiusura; se la normativa lo renderà possibile, ricorreremo avverso la decisione negli organi competenti”.

La Direzione Regionale di Poste Italiane ha poi illustrato una serie di iniziative a favore di Castelbellino: il postino telematico, con funzioni di pagamento a domicilio di bollettini ed altre utilità come il servizio di raccolta della posta a domicilio, il potenziamento dell’ufficio di Pianello con un nuovo sportello e con un blocco di attesa ( i numeri con lo schermo, per capirci) e tante altre novità che risuonano già di sentenza definitiva sulle sorti dell’ufficio postale di Castelbellino.

Le sorti di Castelbellino sono legate alle sorti degli altri Comuni marchigiani e italiani.

“La cittadinanza può stare tranquilla – dice Costarelli – perseguiremo tutte le strade possibili per opporsi allo scempio della chiusura dei piccoli uffici postali che restituiscono ai Dirigenti di Poste Italiani premi economici vergognosi soltanto a nominarli e riducono, invece, i servizi pagati con soldi pubblici e quindi con le tasse dei cittadini a favore delle piccole comunità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.