Chiudono le aziende storiche, le nuove non ce la fanno: manca la crescita in Vallesina | | Password Magazine

Chiudono le aziende storiche, le nuove non ce la fanno: manca la crescita in Vallesina

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – Turn over senza crescita. L’artigianato della Vallesina è ancora in difficoltà. Secondo l’elaborazione dell’Ufficio Studi Confartigianato sulla base di dati Unioncamere e Infocamere tra luglio e settembre si sono iscritte 30 nuove attività artigiane mentre 28 hanno chiuso i battenti. Il terzo trimestre si chiude con un bilancio debolmente positivo (+2); +9 nel corrispettivo periodo dello scorso anno quando si erano registrate 32 aperture di imprese artigiane a fronte di 23 cessazioni. Nei comparti al terzo trimestre di quest’anno negativo il saldo dei servizi alle imprese (-4), +3 per costruzioni e per i servizi alle persone,  parità di iscrizioni e cessazioni per il manifatturiero.

“Chiudono aziende storiche, quelle radicate sul territorio, di grande tradizione, e con loro si disperde un patrimonio inestimabile di competenze e di professionalità  – dichiara Giuseppe Carancini Segretario Confartigianato Jesi –  le nuove attività d’altro canto sono spesso figlie della crisi, tentativi coraggiosi e ammirevoli che purtroppo però in molti casi non hanno successo, a causa dei costi eccessivi della burocrazia, di una tassazione sproporzionata, della scarsità del credito, della concorrenza sleale di chi opera nel sommerso eludendo  qualsiasi regola. In tutto questo contesto, per chi lavora nel rispetto delle regole è davvero dura resistere e mantenere la propria attività. Anche il passaggio generazionale incontra diverse difficoltà, non ultima la demotivazione delle nuove generazioni che vedono gli ostacoli giornalieri con cui si confrontano le imprese di famiglia”.

“Un turn over, quello tra aziende che mollano e attività che ci provano, che traccia un quadro di generale impoverimento del territorio. Senza imprese infatti non c’è futuro – continua Carancini della Confartigianato – Per questo servono interventi concreti a sostegno della microimprenditorialità locale. La ripresa non si fa senza le nostre imprese artigiane, eccellenze del made in Italy, motore dell’economia reale, le uniche in grado di creare occupazione e di essere volano di sviluppo. I nostri piccoli imprenditori  hanno dimostrato grande coraggio andando avanti, comunque e nonostante  tutto, anche quando sono stati chiamati ad affrontare sacrifici sempre più pesanti”.

Ma la fase recessiva dura da troppo tempo, conclude Giuseppe Carancini Segretario Confartigianato Jesi: “Le micro e piccole imprese – che da sempre costituiscono l’ossatura del territorio – non soffrono di carenze strutturali ma sono ingabbiate da diversi fattori penalizzanti. Chiediamo perciò una azione sinergica di sostegno all’impianto produttivo locale con strategie concertate di lotta contro abusivismo e contraffazione, sburocratizzazione, accesso al credito, detassazione a supporto delle MPI, la base del nostro sistema produttivo e fattore chiave per il rilancio dell’economia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.