Chromaesis, spuntano i primi tratti del nuovo murale di via San Giuseppe

JESI – Iniziano ad intravedersi i primi tratti del nuovo murale di via San Giuseppe, al civico 21, dopo il via ai lavori di venerdì scorso. L’opera, eseguita dall’artista Alleg, è inserito all’interno del progetto Chromaesis, nell’ambito delle iniziative previste per la Settimana nazionale di azione contro il razzismo.

Sostenuto da fondi ministeriali, l’intervento rientra in un progetto culturale multidisciplinare ideato dal Servizio Polo Culturale del Comune di Jesi nell’ambito del tema internazionale “Musei e Paesaggi Culturali” che affonda le sue radici nell’idea che il museo italiano non avrebbe ragion d’esistere senza il territorio in cui esso nasce e si sviluppa; per cui i contenitori culturali cittadini si rivolgono verso l’esterno e diventano il luogo di conoscenza, coscienza e interpretazione del paesaggio “culturale” che li circonda.

I lavori partiti venerdì

Una volta completato, sarà il terzo murale realizzato da Chromaesis lungo via San Giuseppe, dopo quello realizzato da Federico Zenobi al civico 2, inaugurato nel novembre del 2016, e quello eseguito da Nicola Alessandrini e Lisa Gelli, nella parete interna dei civici 4 e 6 e in quella che si affaccia sulla via.

L’opera artistica di Alleg si ispira al “Quartiere laborioso – Jesi e i suoi mestieri” e mette al centro l’integrazione che passa attraverso il lavoro, soprattutto in una realtà produttiva e industriale come quella jesina. Partner tecnici dell’iniziativa Caparol Marche Italia e Edile Goffi.

Il risultato sarà una strada di colori, all’insegna dell’integrazione, che si apre addirittura da Piazzale San Savino con il murale “Diverciteen”, frutto della collaborazione tra la scuola di lingua Ih The Victoria Company, Comune e Liceo Artistico “E. Mannucci” ed inaugurato nel 2015.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*