Cimitero e memoria storica, la proposta del Comune

JESI – “Le considerazioni di Lorenzo Verdolini circa la conservazione della memoria storica del cimitero monumentale sono condivisibili. Ma sono considerazioni che, pienamente legittime dal punto di vista di uno storico, trovano il loro limite con una realtà sotto gli occhi di tutti: le condizioni del cimitero monumentale, ma anche di alcune parti del nuovo, sono da anni in una situazione di degrado tale che il Comune, da solo, non può in alcun modo intervenire per la manutenzione straordinaria perché non ha le risorse.

Sistemare le sole arcate significa prevedere una spesa di circa due milioni di euro. E si tratterebbe solo di un piccolo intervento rispetto a quanto servirebbe. Ci ricordiamo bene cosa è accaduto nel 2005: un pavimento ha ceduto facendo precipitare una donna in una tomba. E casi come questi potrebbero ripetersi se continuiamo a lasciare le cose come stanno.

Per questo l’Amministrazione comunale ha proseguito il percorso della vendita di cappelline e loculi abbandonati, avviando al contempo un programma di manutenzione che restituisca piena dignità a questo luogo, avendo uguale rispetto di tutti i defunti, siano essi stati o meno cittadini illustri.

Detto questo, relativamente al recupero della memoria storica che resta certamente importante, anche se necessariamente dopo il decoro e la sicurezza, l’Amministrazione comunale ha già previsto la realizzazione di un “lapidario” che diventerà un luogo ideale sia per mantenerne vivo il ricordo ed evidenziarne il prestigio e l’autorevolezza dei cittadini illustri, sia per ospitare antiche lapidi di personaggi meno noti,, essendo anch’esse un patrimonio storico da mantenere e valorizzare”.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*