Cingoli, aggravamento lesioni ponte Lago Castreccioni | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Cingoli, aggravamento lesioni ponte Lago Castreccioni

CINGOLI –  Nel territorio di Cingoli, i danni provocati dal terremoto del 30 ottobre sono ingenti ma per fortuna non ha prodotto vittime né feriti nonostante l’intensità. Sono molteplici i danni a strutture pubbliche e private.  Per consentire a chi ne avesse bisogno o a chi lo reputasse opportuno di ripararsi presso strutture pubbliche il Comune ha prolungato, fino a cessate esigenze,  la possibilità di accedere liberamente agli spazi idonei ricavati dalle scuole elementari di Grottaccia e materna di Cingoli (cui sono state aggiunte tende predisposte dal Gruppo comunale di Protezione civile), dai centri comunale di Villa Strada, Parrocchiale  di San Vittore e sociale di Villa Pozzo, nei containers a Villa Moscosi e a Castel S.Angelo

Tutte le strutture sono presidiate dal personale della Protezione civile comunale e della Croce Rossa.

A preoccupare però  è la diga a sbarramento situata sul fiume Musone che, dall’1987, ha creato il lago artificiale più esteso del centro Italia, sorvolato addirittura da tre viadotti. A seguito dei terremoti che hanno colpito il Centro Italia negli ultimi mesi, il viadotto è stato chiuso, bloccando buona parte dei collegamenti. Gli oltre 10mila residenti temono un “nuovo incubo Vajont”. Sebbene il viadotto più grande sia attualmente bloccato, in via precauzionale, non si vede una luce per i lavori di consolidamento. Cingoli, al momento, non è infatti inserito tra i Comuni del cratere sismico che possono accedere ai fondi speciali del terremoto.

Nel 2011 la Protezione Civile effettuò una prima ispezione al viadotto, evidenziando un rischio dell’84% in caso di eventi sismici. Dopo la scossa che il 24 agosto ha fatto tremare Lazio e Marche è stato redatto un secondo dossier, stavolta da tecnici comunali, Protezione Civile, Consorzio di Bonifica e Regione. Il risultato non è stato di certo rassicurante. Il team ha rilevato delle anomalie crescenti. Il pilastro 10, che presentava una precedente lesione, risulta ancor più compromesso. I piloni 11 e 13 presentano ben 4 nuove crepe… Ora, a seguito delle violenti scosse che hanno interessato l’area, il sindaco Filippo Saltamartini ha deciso di fare la voce grossa e ha detto ad ANSA: “Per fortuna che lo avevamo chiuso, perché con l’ultima scossa di terremoto le lesioni si sono aggravate”. Così il sindaco di Cingoli Filippo Saltamartini, ex senatore Pdl, sul provvedimento adottato due giorni fa per il ponte sul lago di Castreccioni, che collega Cingoli alla frazioni di Moscosi: “Il ponte – dice Saltamartini – è a rischio crollo dell’84% in caso di terremoto, ma noi non possiamo intervenire: ho il progetto esecutivo pronto, ma essendo stati esclusi dal ‘cratere’ nel decreto terremoto non possiamo intervenire perché dobbiamo rispettare il Patto di stabilità”.
“Non è vero che non ci lasciano soli – ha polemizzato Saltamartini, riferendosi al premier Renzi -, ci hanno già abbandonato. Dal terremoto del 24 agosto nessuno si è degnato di venire qui, la totale indifferenza”.
 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.