Cinzia Perrone, tra Napoli e Jesi nel segno di Pergolesi e Federico II | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Cinzia Perrone, tra Napoli e Jesi nel segno di Pergolesi e Federico II

Intervista alla scrittrice Cinzia Perrone

di Marco Torcoletti

JESI – Definirla jesina d’adozione non basta. Infatti, per Cinzia Perrone, giovane autrice dai natali partenopei, sarebbe più appropriato parlare di un’affinità elettiva con la città dello Stupor Mundi. Prima di trasferirsi nella Marche, da ragazza ha frequentato l’università Federico II di Napoli, ossia della metropoli in cui si espresse il genio di Pergolesi, nel Settecento. Quando le parli, ti colpisce la sua conoscenza enciclopedica del capoluogo campano, di cui rivendica con orgoglio le infinte ragioni di fama e grandezza, anche con aneddoti curiosi e introvabili. Da alcuni anni, vive a Jesi, dove ha cominciato a farsi notare per il talento nella scrittura creativa.

Tra Jesi e Napoli. Si sente a casa nella città di Federico II?

«A Napoli, in una delle nicchie sulla facciata del palazzo reale della città, si può ammirare proprio la statua del glorioso Federico, uno dei più significativi sovrani dell’antico regno del meridione; non ci vede quasi un segno del destino? E poi c’è Pergolesi, altro jesino d’eccezione, divenuto in seguito anche l’emblema della scuola musicale napoletana del ‘700. Quindi come Napoli ha adottato felicemente questi grandi del passato, credo che Jesi lo abbia fatto con me, anche se non sono poi così grande».

Due romanzi, racconti, una raccolta di poesie e addirittura un Blog. Come ha scoperto questa vena creativa?

«La scrittura ha sempre fatto parte di me. Pensi che in quinta elementare scrissi tutta da sola una commedia in due atti per la festa di fine anno scolastico, e alle scuole medie dirigevo il giornale scolastico. Al liceo, iniziai anche una scrittura più matura e introspettiva, componendo poesie. Poi ho intrapreso studi differenti, ma ora ho riaperto tutti i vecchi cassetti, e forse il fermento di Jesi in tal senso mi ha aiutato».

Qual è il filo conduttore della sua scrittura?

«Io penso che si debba essere versatili nella vita così come nello scrivere, infatti mi metto continuamente alla prova con nuove tematiche e stili, per una continua mia evoluzione. Comunque mi piace ispirarmi alla realtà, che ci offre tante storie e spunti di riflessione, perché da lettrice sento che è bello quando si legge un libro, potersi in qualche modo immedesimare e sentire l’autore/autrice quasi come un amico/a».

Ogni anno, in Italia si stampano migliaia di titoli. Perché scegliere un’opera di Cinzia Perrone?

«Questa è la domanda da un milione di dollari! Premesso che credo che ogni libro meriti una risposta tutta sua, posso dirle in generale che un mio romanzo possiederà sempre tre caratteristiche fondamentali: sarà avvincente, tale da desiderare sempre di andare oltre con la lettura, sarà scorrevole e volutamente accessibile, da non scoraggiare nessun tipo di lettore, e sarà, per quanto in alcuni punti possa essere amara la narrazione, portatore di speranza. Quindi sono garantiti momenti di piacevole intrattenimento».

Il personaggio

Cinzia Perrone è nata a Napoli nel giugno del 1973. Dopo aver conseguito la maturità scientifica si iscrive all’università Federico II di Napoli, dove frequenta la facoltà di Giurisprudenza. Interrotti gli studi, si sposa e si trasferisce nelle Marche. Ma nel 2005 riesce a laurearsi in Giurisprudenza all’Università di Camerino (MC), avendo ripreso gli studi interrotti. Dopo il periodo di tirocinio per la professione forense, ha svolto altri tipi di lavoro, come segretaria o agente immobiliare.  Nel 2008, approda a Jesi, dove attualmente vive con il marito e la figlia di dodici anni. Alla ricerca di un’occupazione come in tanti, ha trovato la sua dimensione nella scrittura, antica passione mai sopita. Ha pubblicato una silloge di poesie all’interno di una raccolta edita da Aletti editore dal titolo “Fetch”; è stata selezionata più volte con dei suoi racconti a far parte delle antologie edite da Historica edizioni. Ha pubblicato ad aprile 2007 il suo romanzo di esordio con la Montedit editore, “Mai via da te”, e successivamente una silloge poetica nella collana Adeef di Eracle edizioni, dal titolo “Capelli al vento”.  Sempre nel 2017, nel mese di novembre pubblica il suo secondo romanzo, “L’inatteso” con Del Bucchia Editore. Un ruolo importante nella sua vita è svolto anche dal volontariato, infatti è socia-donatrice dell’Avis di Jesi, facendosi portatrice, insieme ad un gruppo di altri soci-collaboratori, del messaggio di solidarietà insito nella donazione del sangue, attraverso una campagna divulgativa nelle scuole.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.