Circolo cittadino, indietro nel tempo con Suoni Riflessi | | Password Magazine

Circolo cittadino, indietro nel tempo con Suoni Riflessi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Circolo cittadino fa un salto indietro nel tempo e torna negli anni ’50. Ad un passo ormai dal 60° anniversario dall’apertura  – risale al 1957 l’anno in cui la struttura spalancò le porte alla città –  sabato sera la Sala del Lampadario è tornata ad essere la sala da ballo di un tempo, con l’orchestra che suona. Circa un centinaio gli ospiti presenti alla serata  in bianco e nero di Suoni Riflessi, con lo swing dei musicisti della Opus 1 Big Band.

In repertorio, brani Swing, Jazz, Blues e Funky dagli anni  ’40 agli anni ’70.
La serata ha visto la partecipazione anche dell’assessore alla Cultura Luca Butini che ha ricordato come Jesi sia una realtà particolarmente dedita alla musica, grazie anche ad una vivacità di iniziative e un calendario di eventi in programma, oltreché all’importante ruolo svolto dalla Fondazione Pergolesi Spontini nel panorama culturale della città.

Ideatore e realizzatore della serata Suoni Riflessi, Maurizio Paradisi, d’intesa con il presidente del Circolo cittadino Gianluca Mucelli, la vice presidente Carla Saveri e il coordinamento di Elisabetta Landi.
Tutti i musicisti professionisti che si sono prestati hanno dato un valore aggiunto al concerto: Stefano Coppari alla chitarra, Paolo del Papa al trombone, Matteo Piaggi al trombone, Antonangelo Giudice al sassofono, al clarinetto, alla direzione dell’orchestra nonché arrangiatore del brano “Malafemmena”.

Chiara Cascio | chiaracascio@leggopassword.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.