Cisterna romana, primi fondi per il recupero. La città candidata al «progetto Art Bonus dell'anno» | | Password Magazine

Cisterna romana, primi fondi per il recupero. La città candidata al «progetto Art Bonus dell’anno»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La Cisterna romana a Jesi

JESI – In arrivo fondi per il recupero dell’antica cisterna romana. Un gioiello quello di via Posterma, sotto il complesso San Floriano, chiuso al pubblico ma che potrebbe trasformarsi in una risorsa turistica. «Abbiamo finalmente trovato finanziamenti regionali per il progetto – fa sapere l’assessore alla Cultura Luca Butini -. È ancora prematuro parlare di restauro ma, nel 2020, prenderà il via finalmente lo studio su come potrebbero essere utilizzati quegli ambienti». Circa 30 mila euro sono in arrivo dalla Regione, altri 18 mila saranno stanziati dal Comune che potrebbe aprire il progetto anche all’Art Bonus. Uno strumento che si è rivelato già utile per il recupero di diversi beni culturali, grazie alla sensibilità di privati mecenati.

«Per il 2020, stiamo preparando un nuovo elenco di progetti finanziabili attraverso Art Bonus che riguarderanno non solo restauri ma anche iniziative culturali – spiega Butini -. Tra queste ci sono per esempio le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Raffaello che toccheranno Jesi con la mostra su Angelo Colocci». Un riconoscimento importante arriva intanto dal Ministero dei Beni Culturali: il restyling del leone in piazza Indipendenza è tra i dieci interventi in Italia candidati al concorso «Progetto Art Bonus dell’anno», che premia il progetto dell’anno più votato sul web. Se ne parlerà durante il Lubec 2019, l’incontro internazionale dedicato allo sviluppo e alla conoscenza della filiera beni culturali che si svolge ogni anno a Lucca nel mese di ottobre, cui anche il Comune di Jesi è stato invitato a partecipare. «Oggi si parla sempre più di sostenibilità tra pubblico e privato – afferma Butini -, una ‘terza via’ che è anche quella che vorremmo percorrere per la gestione del Museo Stupor Mundi, dal mese prossimo in mano al Comune».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.