Città Regia, «La “dignità” della città è ancorata ad un titolo? »

JESI – Al Corsivo di Marco Torcoletti dal titolo “Jesi Città Regia”, pubblicato dal nostro magazine, segue la replica Doriano Pela, ricercatore di storia e lettore, di cui pubblichiamo di seguito la lettera inviata in redazione:

“Nelle ultime settimane ho seguito – sui quotidiani e su altri mezzi di comunicazione – la vicenda relativa alla proposta di dare a Jesi l’appellativo di città regia. E dato che Password la segue piuttosto da vicino, vi scrivo per un paio di precisazioni. Mi riferisco, in particolare, ad alcune argomentazioni che vengono accreditate come storiografiche addotte dal (sedicente) storico Marco Torcoletti e finalizzate in buona sostanza a portare acqua al mulino di chi sostiene la proposta. Intanto che “solo sotto il profilo culturale deve essere valutato l’appellativo di città regia” è pura e semplice opinione di Torcoletti; non è certo un dover essere assoluto, come sostiene lui. Né tantomeno un assunto storiografico. E ciò per un motivo molto semplice: perché “aspetto culturale ed imperio” (sempre per usare sue parole) non sono affatto disgiunti, separabili e considerabili in maniera distinta. Non lo sono mai stati nel corso della storia: né nei fatti, né nel “sentire popolare” a cui pure Torcoletti fa riferimento. E’ così fin dai tempi dei “re taumaturghi” come ci ha insegnato Marc Bloch. Ed è così anche oggi, per quanto l’istituto monarchico non rivesta più – per lo meno in Europa – il ruolo avuto nei secoli scorsi. Dopodiché, è evidente il tentativo di volersi attaccare a tutti i costi al bordo di una veste regale, come se così facendo le qualità di chi indossava quella veste trasmigrassero magicamente fino a noi. Come se dando a Jesi l’appellativo di “regia”, improvvisamente diventassimo tutti più dignitosi, più orgogliosi di noi stessi. Ora – premesso che chi indossava quella veste non era così pieno di qualità e privo di difetti come si crede e che su queste versante ci si esercita spesso sul mito più che sulla realtà storica dei fatti (tanto per dirne una: Federico II è stato un principe autoritario, che ha usato costantemente il suo potere per sopprimere nella nostra penisola le autonomie comunali) – l’interrogativo che ne scaturisce è: ma Jesi deve ancorare la propria “dignità” ad un supposto valore o prestigio di ascendenza regale? Quella Jesi che si è distinta per un profondo sentire laico e repubblicano fin dai tempi di Antonio Colocci, e poi per una spiccata sensibilità sociale e socialista, con personaggi del calibro di Gemma Perchi. E ancora: per un ingegno di prim’ordine in campo lavorativo ed imprenditoriale, testimoniato da centinaia e centinaia di stimati operai qualificati, artigiani, imprenditori succedutisi almeno dalla metà del XIX secolo ai giorni nostri. E non per ultimo: per il coraggio – portato in talune circostanze fino all’eroismo o all’estremo sacrifico – di quegli jesini che hanno combattuto contro il nazifascismo, dando il proprio contributo alla nascita di un’Italia libera e repubblicana. Può piacere o meno, ma la vicenda di Federico II con la nostra città non c’entra praticamente nulla. E piuttosto che arrampicarci sugli specchi per appropriarci di una storia che – oltre ad essere molto lontana – non ci appartiene, meglio sarebbe occuparsi del nostro passato recente, essenziale per capire da dove veniamo, chi siamo, e dove vogliamo andare. Invece del Novecento jesino (e della Vallesina) nessuno si occupa, col risultato che chi vive in questo territorio oggi conosce poco e male il proprio passato. Così è capitato che addirittura i ricercatori di Nomisma – allorché sono stati chiamati, non molto tempo fa, dal sindaco Bacci a svolgere una ricerca “preelettorale” – fidandosi del “sentito dire” abbiano preso un bel granchio, accreditando per buono un mito in realtà completamente falso (come dimostrato storicamente): quello della Jesi “piccola Milano”. Allora, per concludere: senza bisogno di tirare per la giacca Molinelli e senza esercitarsi con inutili sofismi sulla regalità, a Torcoletti suggerisco di porsi (e di porre) una domanda ben più cruciale: quali sono le vere radici della nostra città? Da dove proveniamo? Di che stoffa siamo fatti? Del prestigio che si dovrebbe legare alla denominazione di città regia? O del lavoro, dell’impegno – e delle lotte per i diritti – di generazioni di mezzadri, meccanici, cordai, setaiole, fiammiferaie e così via? Quali sono le cose che dobbiamo ricordare, valorizzare e trasmettere al futuro come comunità locale?”

Doriano Pela (ricercatore di storia)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*