Astralmusic

Città regia, la replica di Torcoletti a Pela

IL CORSIVO – Ho letto con curiosità la lettera aperta a Password di Doriano Pela. Jesi, città regia. Scriveva Molinelli: “L’argomento attiene solo alla competenza della comunità jesina, fondata sulla sua tradizione culturale e popolare, già viva e codificata sin dal 1498, anno dell’innalzamento dello stemma cittadino sulla facciata del palazzo della Signoria”.

Il nostro passato recente. Personalmente me ne sono occupato, pubblicando nel 2013 “Il primo podestà”. La mia prozia paterna, agli inizi del secolo scorso, giunse a Jesi su di un carro che portava i suoi e l’intera loro sostanza. Lavorò, ancora bambina, in filanda, mentre mio nonno lasciava la scuola per entrare come garzone nella bottega di un sarto. A loro e a quello che rappresentano, penso spesso con affetto, commozione e soprattutto orgoglio.

La storia di Federico II non avrebbe nulla a che spartire con quella di Jesi? Non replico. Sul fatto che non fosse uno stinco di santo, faccio notare che non è in discussione la sua santificazione. Che in vita possa essersi distinto sia per le luci che per le ombre, ricordo a Pela quanto scrisse Molinelli sul giudizio storico di primo tipo e su quello di secondo tipo.

Sedicente storico. Non mi sono mai qualificato storico, ma solo appassionato di storia. Altri mi ci hanno chiamato in ragione delle mie ricerche su Jesi. Io non mi azzardo perché anche solo essere ricondotto a personaggi come Luconi mi mette a disagio, sebbene lo stesso Luconi, che mi voleva bene e tanto mi onorava della sua stima, non appartenesse all’olimpo delle accademie.

Tirare acqua al mulino. Qui sono d’accordo. Tiro acqua al mulino delle mie idee, di ciò in cui credo. La qual cosa, per quanto possa sembrare disdicevole, meriterebbe forse un po’ di rispetto.

Marco Torcoletti

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*