Cittadinanza onoraria a Liliana Segre: «Un legame con Jesi, ora è anche la mia città» | | Password Magazine

Cittadinanza onoraria a Liliana Segre: «Un legame con Jesi, ora è anche la mia città»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Teatro Pergolesi stracolmo per l’evento di consegna della cittadinanza onoraria a Liliana Segre, tra gli ultimi testimoni viventi dei campi di sterminio nazisti. A ritirarla un suo delegato che ha letto un messaggio alla città della senatrice a vita.

«Saluto voi tutti e ringrazio il Consiglio comunale per avermi concesso l’onore di condividere la cittadinanza di Jesi- si legge nella lettera – Da oggi siamo dunque concittadini e la vostra città sarà anche la mia». Per ragioni di età e di sicurezza la senatrice fa sapere di non aver potuto partecipare ma «una cittadinanza onoraria è un atto che istituisce un legame e un’empatia, che sono sempre cifra di umanità e di idem sentire civile oltre che civico». Per la Segre «è un piacere e un onore condividere con voi i sentimenti democratici e antifascisti che storicamente sono appannaggio della cultura marchigiana».

La cerimonia si è svolta all’interno dello spettacolo “Musica per la Vita” scritto e prodotto dalla Corale Santa Lucia: un suggestivo recital che ha alternato momenti musicali con canti della tradizione ebraica e musiche di film ispirati alla Shoah a momenti recitativi in cui hanno preso vita sulla scena personaggi storici come la stessa Liliana Segre. Presente anche il gruppo di danze popolari internazionali “Danzintondo”.

«Conoscere  e conservare la storia – sono le parole della Segre – è infatti la premessa indispensabile di una cittadinanza piena, consapevole e democratica».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.