Clemente Rossi: "Portiamo il buon governo in Regione" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Clemente Rossi: "Portiamo il buon governo in Regione"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – “Dobbiamo esportare il buon modello di governo del territorio e di vicinanza con i cittadini che abbiamo nei Comuni a un livello più alto: al governo della Regione Marche”. Clemente Rossi, vicesindaco di Falconara, candidato al consiglio regionale parte da una Vallesina alla ricerca di riscatto “che negli ultimi 10 anni si è impoverita – spiega – ha perso rappresentanza in Regione. Il mio intento è quello di ripartire dalle istanze dei cittadini e delle imprese.

Eppure c’erano consiglieri regionali eletti dalle nostre parti

E che hanno fatto? Le uniche notizie che ho sono di spese pazze e rimborsi facili. Falconara, che mi vede in prima linea, era sull’orlo del baratro per i tanti soldi pubblici sperperati. La stessa Jesi era divenuta marginale. Brandoni prima, Bacci poi, hanno dimostrato che si può cambiare nel segno della serietà e della sobrietà. Dobbiamo portare il nostro modello di governo in Regione.

Da dove ripartire?

Dai nodi irrisolti. La nostra è un’area ad elevato rischio di crisi ambientale. L’Api di Falconara paga ogni anno alla Regione Marche decine di milioni di accise petrolifere. Che fine fanno questi soldi? È tempo di rivendicare queste risorse e tenerle qui per mitigare il rischio, bonificare dove serve, migliorare la qualità dell’ambiente.

E le infrastrutture?

Il triangolo Ancona, Falconara, Jesi, porto-aeroporto-interporto, è giudicato di grandi potenzialità da più di un esperto. In nessuna altra parte d’Italia si hanno tre importanti strutture nel raggio di 30 chilometri. Il cargo, più del turismo, è il settore sui cui andrebbe indirizzato il Sanzio. Anni fa avevo proposto una managment unico per Interporto e aeroporto. La dirigenza Aerdorica di allora, che oggi è indagata dalla Procura, mi rise dietro.

Il turismo è importante, però.

Certo, ma qui è stagionale: abbiamo tanti voli in estate e una cattedrale nel deserto per 9 mesi. Creando un triangolo logistico invece avremmo attività tutto l’anno, nuovo sviluppo e posti di lavoro. Con la possibilità di stringere accordi con le divisioni passeggeri delle compagnie aeree che si occupano delle merci. E poi…

E poi?

C’è tutto il discorso legato al Made in Italy, uno tra i primi brand al mondo. Possiamo esportare i nostri prodotti e vincere la sfida della globalizzazione se riusciamo a sincronizzare l’esistente. E promuovere attraverso alcune eccellenze, tutto un territorio.

Tipo?

Il Verdicchio è diventato un ottimo testimonial per tutti gli altri vini marchigiani. Rendiamo Federico II testimonial della Vallesina. Anche Falconara può giovarne visto che Rocca Priora è stata eretta per festeggiare la nascita dello Stupor Mundi. Senza parlare delle pinacoteche di Ancona e Jesi e di tutto l’immenso patrimonio artistico da valorizzare e promuovere. Abbiamo già un progetto che unisce il turismo culturale a percorsi cicloturistici. Ora è sulla carta, dobbiamo renderlo concreto con l’apporto di tutti. Un’importante attrazione che gioverà all’economia. Certo che se poi arriva Sgarbi – che ha catalizzato centinaia di migliaia di visitatori nelle mostre di Osimo e Fabriano – e il centrosinistra di Ancona gli fa trovare la porta chiusa. Come dicevo prima, dobbiamo cambiare passo.

 

(Messaggio di propaganda elettorale a pagamento)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.