Clonavano carte e bancomat dal distributore di benzina, arrestati due rumeni

JESI – Viaggiavano verso nord, convinti di aver fatto aver fatto bottino di codici e dati per la clonazione di carte di credito e bancomat. Ma i due rumeni, un uomo e una donna  – M.B di 36 anni, pregiudicato, e M.S.P, di 25 – residenti entrambi a Torino, sono stati bloccati e arrestati ieri sera all’altezza del casello autostradale Marotta – Fano dai Carabinieri della Stazione di Chiaravalle, coadiuvati dalla Compagnia di Jesi e dalla Polizia Stradale.

A dare l’allarme sarebbe stato un cittadino che, accortosi di un sospetto pannello rosso sistemato sulla colonnina del self service del distributore ESSO,  lungo la Superstrada 76, in località Coppetella (Jesi), ha allertato i Carabinieri della Stazione di Chiaravalle.

Sopraggiunti sul posto, i militari, guidati dal maresciallo capo Domenico Maurelli, hanno esaminato il congegno e, individuata una microtelecamera posta sotto il pannello, per riprendere la digitalizzazione in corso, hanno da subito dedotto che si trattava di un dispositivo per la clonazione di carte di credito e bancomat.

Estratta e messa in sicurezza la memory card contenente già oltre 20 codici, i Carabinieri hanno atteso che i furfanti tornassero sul posto per ri-estrarre il dispositivo e prelevare il “bottino” elettronico.

Come previsto i due sono tornati alla colonnina verso sera. Dopo aver finto di fare rifornimento, sono saliti sul loro BMW 520 e hanno imboccato l’autostrada,  con la probabile intenzione di rientrare a Torino. I Carabinieri, dopo aver seguito l’auto per accertarsi che non ci fossero altri congegni sistemati lungo il tragitto, hanno bloccato la coppia all’altezza del casello Marotta – Fano e sottoposto i due a perquisizione.

Arrestati per ordine della Procura di Ancona, proseguono le indagini per verificare l’appartenenza dei due o meno ad un’organizzazione criminale più complessa.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*