Club Rugby Jesi '70, progetti ed evoluzioni | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Club Rugby Jesi ’70, progetti ed evoluzioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Passione per la palla ovale, disciplina ferrea e divertimento. Questo è il mix esplosivo che fa del Rugby uno degli sport più amati della nostra città nella Vallesina. Con ben 230 giocatori complessivi e circa 60 persone tra allenatori, volontari e tecnici, nella Club House del Rugby Jesi ‘70 di Via Mazzangrugno regna un piacevole via vai, sia dentro che fuori il campo.

Ed è stato proprio nella “casa” del Rugby che i tecnici, il Presidente Luca Faccenda e l’assessore allo sport Ugo Coltorti ci hanno accolto e voluto parlare dei cambiamenti e delle novità del Club.

Si tratta di una riorganizzazione ed una evoluzione quella che è in corso al Club: la priorità è stata quella di trovare più persone che potessero incarnare ruoli specifici per svolgere determinati compiti.

Questo è l’obiettivo che si era prefissato il presidente del Rugby Jesi ’70 Luca Faccenda che, all’occasione, ha ringraziato l’assessore e tutta l’Amministrazione comunale per la fiducia data e il sostegno e la collaborazione nata. “Si tratta di un cammino parallelo a quello che il Comune intendeva percorrere – commenta l’assessore Coltorti – siamo felici di aver collaborato in quello che era un progetto di un Club che già lavorava bene: migliorare le condizioni di vita di una città intera in termini di spazi aperti, strutture sportive a disposizione della comunità dai più piccoli ai meno giovani”.

In primis si trattava di trovare una figura tecnico manageriale che potesse stare in campo, che si occupasse del reclutamento dei giocatori, degli allenatori, del rapporto tra i giocatori e di tutto ciò che potesse servire al Club per migliorare: il Responsabile Sviluppo Club è stato individuato della figura di Francesco Possedoni. Si tratta di una figura che è a metà strada tra il direttore sportivo e quello tecnico, come si definisce lui stesso.  “Facendo un’analisi di quali sono gli obiettivi del Club – commenta il tecnico – Mi sono ritrovato molto in questo ruolo e sicuramente porterò avanti quelli che sono i nostri valori: dal punto di vista sportivo, sicuramente gettare le basi per far cresce il Club; dal punto di vista sociale portare un contributo al territorio, fare movimento ed aggregazione”.

Si tratta di un progetto triennale quello che il Club vuole portare avanti con obiettivi chiari e precisi. A partire dai più piccoli, dall’Under 6 all’Under 14, con lo scopo di arrivare ai 160 bambini, investendo nella loro formazione e crescita al livello motorio e personale. E poi, avere un under 16 che possa competere ai livelli nazionali fino al campionato d’élite per poter dare al giocatore un vissuto diverso al livello di qualità. Infine, poter contare su una squadra nel campionato di serie B che sia stabile.

Per poter portare avanti un progetto di questo calibro era necessario guardarsi intorno. Si è così arrivati alla scelta di due figure: Marco De Rossi e Ernesto Ballarini.

“Ci sono pochi club in Italia – commenta Marco De Rossi – che hanno il coraggio di chiamare gente da fuori per cercare un confronto e quindi complimenti, soprattutto perché ho trovato un ambiente aperto ed interessante, con molte potenzialità”. Si tratta di una figura che viene da un vissuto rugbistico notevole, allenatore a livello internazionale, con esperienze sia nella giovanile che nelle nazionali ed è a Jesi in veste di collaboratore, lavorando dai più piccoli dell’Under 6 fino alla prima squadra. “Non devono mancare il confronto, la comunicazione ed l’integrazione tra i nostri due metodi – prosegue Marco De Rossi – lavorando sulla professionalità dell’allenatore per farlo diventare punto di riferimento per i ragazzi”.

“Sta formando i tecnici in modo eccellente – commenta Francesco Possedoni – e il valore aggiunto che sta dando lo trasmette in mezzo al campo anche ai più piccoli: i consigli, la sua metodologia e il dialogo stanno dando un qualcosa in più a tutti”. E non è da meno Ernesto Ballarini che con il Pesaro è arrivato sino in Serie A. Si tratta di un tecnico di spessore che da subito ha sposato il progetto, vive lo sport con passione e questa passione la trasmette ai ragazzi dell’Under 18, categoria che segue con il Club jesino con l’obiettivo di prepararla per la prima squadra, con il giusto atteggiamento sia fisico che mentale.

“Quella che vedo è una realtà in crescita, con tanta voglia di fare da parte dei ragazzi e dei tecnici, un lavoro che arricchisce tutte e due le parti, sia me che loro – commenta Ballarini -È un onore farne parte. Si tratta poi di un Under 18 che fa gruppo e lavorarci è ancora più bello”.

Qualcuno direbbe che se Marco De Rossi ed Ernesto fossero stati due allenatori della palla rotonda ci sarebbe stata la fila per gli autografi fuori la sede del Rugby Jesi di Via Mazzangrugno. Speriamo che questo avvenga anche nel mondo della palla ovale e non vediamo l’ora di vederlo. E intanto, in bocca al lupo ragazzi!

Altro progetto in corso promosso dal Rugby Jesi ’70 è il “Rugbytots”, iniziativa che mette al centro la psicomotricità dei bambini dai 2 ai 7 anni. Si tratta di dinamiche sessioni di gioco settimanali che aiutano i bambini a sviluppare le loro abilità sociali e psichiche in un ambiente positivo e divertente, il tutto con la palla ovale ovviamente.

E nel mondo del Rugby, le donne non sono da meno. Ci tiene a sottolinearlo Claudia Quaresima, prima donna ad entrare nel Consiglio amministrativo, responsabile del settore femminile e giocatrice. Un anno e mezzo fa hanno iniziato un po’ per curiosità e per scommessa: qualche mamma di bambini del mini rugby, qualche ragazza o sorella dei giocatori e hanno voluto a capire che cos’è il rugby e quindi, come dice lei, si sono buttate nel campo e toccato con mano il mondo della palla ovale. “Il Rugby femminile è una vera e propria realtà da sviluppare poiché ancora in Italia ce ne sono pochi di settori come questo. Il Rugby ha una disciplina rigida e ti forma sia come sportivo che come persona; una disciplina che nessun altro sport ti dà. Il movimento femminile sta crescendo, noi già in un anno abbiamo raddoppiato il numero delle giocatrici. Insomma, la società si è resa conto che le donne non sono dei pesi ma delle vere e proprie risorse!”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.